Sanremo 2012, nuovo attacco di Iacchetti: rapito dalle Brigate Viola, su YouTube accusa Mazzi

Nuovo attacco di Iacchetti a Sanremo Social 2012: questa volta costruisce un video per attaccare Mazzi e denunciare che la selezione dei Giovani di Sanremo 2012 è stata fatta a tavolino

da , il

    Dopo aver mandato Gianni Morandi sonoramente ‘affa***’ su Facebook, ora Enzo Iacchetti lancia nuove accuse a Sanremo 2012 e lo fa con un video, caricato su YouTube, nel quale si finge ‘rapito’ dalle Brigate Viola dello spettacolo. Al centro della sua denuncia Gianmarco Mazzi, descritto come un burattino in mano alle case discografiche. Ma siamo sicuri che tutto questo bailamme faccia bene ad Enzino?

    Nuovo attacco di Enzo Iacchetti a Sanremo 2012 e nello specifico a Sanremo Social 2012: dopo il post di fuoco contro Gianni Morandi pubblicato sulla sua pagina Facebook, questa volta il conduttore di Striscia la Notizia si serve di un video realizzato ad hoc e postato su YouTube per denunciare le combine del Festival di Sanremo.

    I suoi strali si concentrano su Gianmarco Mazzi, direttore artistico della kermesse, che viene descritto come ‘una specie di direttore che prende le raccomandazioni,: la casa discografica gli dice ‘se vuoi questo cantante devi prendere anche questo giovane‘. E’ lui che manovra tutto, è lui che fa il cast a seconda di quello che le major gli danno in mano per fare il Festival, aggiunge Iacchetti. Un’accsua bella e buona che fa pensare a un giro di mazzette, se non di soli favori, di cui immaginiamo dovrà prima o poi rispondere anche ‘legamente’. L’ipotesi di una querela da parte di Mazzi non è poi tanto peregrina a questo punto.

    Di fronte alle minacce armate di due soggetti spacciati per rappresentanti delle Brigate Viola dello Spettacolo (ricordiamo che il Movimento Viola, che nulla c’entra in tutto questo, si batte per il rispetto e la difesa della Costituzione) Iacchetti sembra correggere il tiro sul vaffa a Morandi: da ‘aex amico’ ora viene dipinto come un incolpevole ingenuo, ‘un bravo ragazzo accodatosi a questa cosa di Sanremo Giovani‘ che il comico afferma essere del tutto falso, asserendo di avere in mano delle prove schiaccianti a dimostrazione che i nomi dei prescelti fosse già deciso.

    Le accuse sono chiare, anche se queste prove schiaccianti non sono esibite a favore di web: la denuncia di Iacchetti darà il via a una serie di ricorsi da parte degli esclusi? E come reagirà Mazzi, che dopo lo sfogo su FB liquidò l’uscita di Iacchetti come ‘puri insulti’ che non meritavano risposta? Scatterà una querela? E perché Iacchetti si ‘limita’ a lanciare anatemi dal web? Se ha prove inconfutabili non può consegnarle ai giudici e bloccare ‘l’illecito’? Iacchetti sostiene nel video che l’esclusione del figlio Martino non c’entra nulla, anzi afferma che ‘è meglio che non sia stato preso, così la finiscono di dire che è raccomandato‘. Ma allora cui prodest?