Sanremo 2012, i Big: Matia Bazar ‘Sei tu’ (testo)

I Matia Bazar a Sanremo 2012 con Sei Tu: la storia del gruppo a Sanremo, da Antonella Ruggiero al ritorno di Silvia Mezzanotte, e il testo della canzone

da , il

    Matia Bazar Sanremo

    Ben 11 le presenze dei Matia Bazar al Festival di Sanremo e con questa in arrivo celebreranno la loro dodicesima volta sul palco dell’Ariston. Gruppo storico del nostro panorama musicale, i Matia Bazar hanno regalato al pubblico del festival alcuni dei maggiori successi della musica italiana, fin dal lontano 1977, anno della loro prima partecipazione, a due anni dalla loro nascita. Mai del tutto uguali a se stessi, grazie – o a causa – dei vari cambi di formazione (soprattutto della voce femminile) i Matia Bazar arrivano a Sanremo 2012 con alle spalle due vittorie (1978, 2002) e con un pezzo nuovo di zecca, Sei tu, ci cui presentiamo il testo dopo il salto. Per la serata dei duetti internazionali, giovedì 16, ospitano Al Jarreau per una versione inglese di Parla Piano Amore (Speak Soflty Love), colonna sonora de Il Padrino.

    Prima di passare alla lunga storia sanremese dei Matia Bazar leggiamo il testo del brano Sei tu in gara al Festival 2012.

    SEI TU

    (di P. Cassano – F. Perversi – G. Golzi)

    Hai cercato… E tutto sommato… Sei riuscito… Chi dei due ha sbagliato? E di noi… Che cosa resterà? Sei geniale… Nel fare del male… Programmare… Quello che è il dolore… E ti diverte… E spari su di me… Caldi brividi, fredde lame oramai… Di un inverno che, … che non finirà mai Baci come spine, sulla bocca mia… Senza respirare, scivolando via… Se tu, sei tu, sei tu… che mi hai rubato il cuore!! Guardo nello specchio, senza più un perchè… Cado nella notte, che assomiglia a te… Sei tu, sei tu, sei tu…che mi hai rubato il cuore!! Ho provato, … quanto ci ho provato… Cancellare, … tutto il tuo passato E adesso so che… ha vinto su di me Non raccoglierò, quel che resta di noi… Non mi volterò, per cercarti lo sai Baci come spine, sulla bocca mia… Senza respirare, scivolando via… Sei tu, sei tu, sei tu…che mi hai rubato il cuore!! Cieli di cristallo senza più poesia Petali di ghiaccio…sciolti sulla via… Sei tu, sei tu, sei tu, … che mi hai rubato il cuore!! Sei tu, sei tu, sei tu!!!! Sei tu, sei tu, sei tu!!!! Che mi hai rubato il cuore…

    Quarto decennio di attività per i Matia Bazar, che hanno attraversato 35 anni di storia della musica italiana e del Festival di Sanremo, che affrontarono per la prima volta nel 1977, alla sua 27a edizione. Presentarono Ma Perché, ma non arrivarono in finale, rifacendosi ampiamente l’anno dopo con ...E Dirsi Ciao, che vinse l’edizione 1978.

    Sono gli anni della formazione originaria, con la splendida e magnetica voce di Antonella Ruggiero a identificare una produzione florida e ricca di successi. Se pensate che il loro primo singolo fu Stasera… che sera!, potete ben immaginare come la loro carriera sia partita con il piede giusto.

    Gli anni ’80 dei Matia Bazar a Sanremo si aprono con la indimenticabile Vacanze Romane (1983, quarto posto), diventata una delle hit di maggior successo del gruppo. La riascoltiamo in basso.

    Sono gli anni di Souvenir (Sanremo 1985) e de La prima stella della sera (1988): alla fine del decennio Antonella Ruggiero dice addio al gruppo, facendone temere lo scioglimento.

    Inizia, quindi, la ricerca di una nuova voce: dal 1990 al 1998 è la volta di Laura Valente che accompagna i Matia Bazar all’Ariston per due volte, nel 1992 con Piccoli giganti e nel 1993 con Dedicato a te (che conquista la quarta posizione).

    Ma sono gli anni Duemila a ‘ridare’ una nuova identità al gruppo, che si affida alla giovane e sensuale voce di di Silvia Mezzanotte, che tra il 1999 e il 2004 colleziona ben tre esperienze sanremesi: nel 2000 i Matia Bazar sono a Sanremo con Brivido caldo, nel 2001 con Questa nostra grande storia d’amore (piazzatosi al terzo posto) fino ad arrivare nel 2002 alla vittoria con Messaggio d’amore (che ascoltiamo in basso).

    Pochi ma intensi gli anni che hanno visto insieme la Mezzanotte e i Matia Bazar: nel 2004 la cantante sceglie la carriera solista e lascia il ‘posto’ a Roberta Faccani, in carica dal 2004 al 2010: per lei una sola esperienza all’Ariston, nel 2005, con Grido d’amore che si piazza al 3º posto tra i Gruppi. La ascoltiamo in basso.

    I grandi amori, però, non si dimenticano mai e nel 2010 Silvia Mezzanotte torna tra i Matia Bazar: sarà la sua voce a intonare i versi di Sei tu. Anche questo brano diventerà una delle hit dei Matia Bazar?