Sanremo 2012, Emma Marrone massacrata: ‘Parla troppo, canta male’

Su Twitter Emma Marrone ha risposto alle dure critiche di Marinella Venegoni, esperto musicale de La Stampa, che non ha assolutamente gradito la battuta, in risposta a Paolo Giordano, di qualche tempo fa

da , il

    emma marrone twitter venegoni stampa

    Il succo dell’attacco di Marinella Venegoni, critico de La Stampa, a Emma Marrone è proprio questo, non c’è dubbio. Basta dare un’occhiata alle dichiarazioni che lei stessa ha rilasciato sul blog On the road, in risposta a una semplice battuta della leccese, per capirlo. Qualcuno dice che ha esagerato; qualcun altro, invece, le si è scagliato contro per le brutte parole riservate alla concorrente di Sanremo 2012. Noi siamo dalla parte della cantante, e non abbiamo dubbi, ma il messaggio lasciato su Twitter proprio da lei poteva essere frainteso. In risposta a Paolo Giordano, infatti, Emma scrisse: [...] Spero che la Venegoni abbia degli amici all’unità coronarica.. stavolta!

    La reazione è tardata ad arrivare, ma è arrivata:

    Ho letto, su segnalazione di un cliente affezionato di On The Road, questa “conversazione inquietante” apparsa su Twitter. Non mi sono scandalizzata che Emma Marrone mi voglia mandare in unità coronarica, sono sicura che è una simpatica iperbole. Da ragazza di mondo che ha impostato la propria promozione sulla parola parlata [...], credo che la cosa più intelligente che Emma possa fare sia di cercare belle canzoni da cantare, perché lo spread fra quello che dice e quello che canta è stato finora quasi più inquietante di quello che ci tiene incatenati ogni mattina alle notizie economiche.

    Parafrasato: la differenza tra ciò che dice (belle parole) e ciò che canta (testi scadenti) è abissale. Ma non è finita qui, no no; il critico musicale ha continuato dicendo, infatti, che all’unità coronarica ci manderei sua sorella, casomai. Acredine allo stato puro, insomma.

    Acredine alla quale Emma non ha proprio resistito e ha risposto palesando un certo nervosismo:

    Se la mia ironia su Twitter si trasforma in un rovente articolo sulla Stampa, significa che non si sa più di che parlare. Fatevela na risata!

    Questo Sanremo sarà infuocato. Infuocatissimo.