Sanremo 2012, a rischio Sanremo Social: la parola al Tar

Sanremo 2012, a rischio Sanremo Social: la parola al Tar

Rischia l'annullamento il contest online Sanremo Social: quattro trentenni hanno fatto ricorso al Tar per la disparità di regolamento tra Area Sanremo e Sanremo Social

    Sanremo Social 2012

    Sanremo Social, la gara online dedicata agli aspiranti concorrenti della sezione Giovani di Sanremo 2012, rischia di saltare: quattro cantautori trentenni, esclusi dalla selezione per limiti d’età, hanno infatti presentato ricorso al Tar del Lazio contestando il regolamento di Sanremo Social, che limita l’accesso a chi non ha ancora compiuto 29 anni. Questa clausola uccide il cantautorato. Stanno dando un messaggio sbagliato: questo la motivazione con cui Davide Misiano, Gaetano Massaro (in arte Valerio Masaro), Emil Spada e Angela Ruggiero hanno coinvolto il Tar, chiamato ora a esprimersi rapidamente: la selezione online, infatti, terminerà domenica 8 gennaio. Sarà tutto da rifare?

    Brutta tegola per gli organizzatori del Festival di Sanremo 2012 e soprattutto per Gianmarco Mazzi, tra i più attivi nel voler coinvolgere il web, e soprattutto Facebook, nel reclutamento delle nuove leve per il 62° Festival di Sanremo. Sotto attacco la restrizione ai maggiori di 29 anni per partecipare al contest, fino allo scorso anno aperto anche a cantanti di età non superiore i 36 anni. Il problema, in realtà, è sorto a causa di una disparità di regolamento tra Sanremo Social e Area Sanremo (da cui sono usciti i primi due concorrenti ufficiali della sezione Giovani): per Sanremo Social sono ammessi a partecipare artisti dai 14 ai 28 anni, mentre ad Area Sanremo hanno concorso giovani dai 16 ai 36 anni. Il ricorso, quindi, punta proprio ‘sull’illegittimità’ dell’esistenza di due bandi diversi per accedere al Festival.

    Agguerriti i promotori del ricorso: Dopo averci negato la prospettiva di un futuro, ora ci dicono di fare largo ai giovani: ma perché, a 30 anni siamo già vecchi? protesta Misiano, che sottolinea come il criterio adottato debba ritenersi ‘culturalmente ingiusto’. Fa notare, inoltre, che se fosse stato applicato anche in passato artisti come Andrea Bocelli e Raphael Gualazzi non avrebbero potuto partecipare a Sanremo Giovani.

    Hanno cercato di giustificarsi spiegando la necessità di fare entrare più gente dei talent – aggiunge Misiano – e tra i Big ormai ci sono sempre i cantanti di Maria De Filippi e quindi per loro sarebbe ridicolo avere Giovani più vecchi dei Big.

    Ora si attende la sentenza del Tar del Lazio; il tempo, però, stringe: la prima selezione si concluderà l’8 gennaio, quindi il 12 è previsto il Sanremo Social Day, da cui usciranno i 6 concorrenti ufficiali di Sanremo Social. Come andrà a finire?

    453

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI