Sanremo 2011, Verro a Presta: “Hai bisogno della Rai”

Alla vigilia del CdA su Sanremo 2011 il consigliere Antonio Verro ricorda a Lucio Presta che sono gli agenti ad aver bisogno della Rai e non viceversa

da , il

    Antonio Verro cda Rai

    Vigilia rovente per il CdA Rai, che sta discutendo da questa mattina della ‘questione satira’ a Sanremo 2011 e della direzione artistica di Gianmarco Mazzi, come richiesto (e ottenuto) dal consigliere di amministrazione in quota Pdl Antonio Verro, l’unico in tutta la Rai a sollevare conetstazioni prima, durante e dopo la 61ma edizione del Festival di Morandi, riuscito con la sua squadra ad eguagliare gli ascolti del Sanremo dei record di Antonella Clerici. E dire che giusto una settimana fa la Rai celebrava l’Unità d’Italia con una serata sanremese che rimarrà negli annali della tv di Stato, e non solo per l’esegesi dell’Inno d’Italia, cantato poi da Roberto Benigni all’Ariston.

    Come visto nei giorni scorsi, è bastato che calasse il sipario su Sanremo 2011 per far emergere tutti i contrasti ‘intestini’ di Viale Mazzini e tutti i dissapori tra il gruppo creativo che ha portato a casa un Festival di successo e i vertici Rai.

    Tra dissapori ‘personali’ (come quelli che oppongono Verro e Gianmarco Mazzi), le polemiche sugli interventi di Luca e Paolo (sollevate sempre da Verro) e le rivendicazioni di Lucio Presta sull’atteggiamento del dg Rai Mauro Masi, l’invocazione morandiana ‘Stiamo Uniti‘ è ormai solo uno slogan lasciato alla memoria dei telespettatori. E così invece di celebrare Sanremo 2011 e di mettere fin da subito in cantiere l’edizione 2012, il Cda Rai si sta riunendo per ‘fare le pulci’ alla gestione Morandi-Presta-Mazzi.

    Il clima non è dei più distesi, come immaginabile: giusto per darvene un assaggio basti considerare la dichiarazione rilasciata dal consigliere Verro poco prima dell’inizio dei lavori del Cda. Rispondendo indirettamente a Presta in merito all’intervista da lui rilasciata a la Repubblica, nella quale l’agente attaccava l’atteggiamento ‘disfattista’ e protervio del dg Rai Masi pre e post Sanremo 2011, Verro ha tenuto a precisare che “sono gli agenti, come Lucio Presta, ad aver bisogno della Rai e non viceversa“. Siamo proprio sicuri?