Sanremo 2011, Question Time senza ritmo

Sanremo 2011, Question Time senza ritmo

Il Question Time di Sanremo 2011 si rivela senza ritmo, un ibrido tra una conferenza stampa e uno speciale di Amici

da in Festival di Sanremo 2013, Programmi TV, Rai 1
Ultimo aggiornamento:

    Sanremo2011 Sposini question time

    Se non fosse stato per la notizia dell’arrivo di Roberto Benigni all’Ariston giovedì 18 febbraio per un’esegesi dell’Inno di Mameli nella serata dedicata all’Unità d’Italia, il primo question time di Sanremo 2011 sarebbe stato un completo disastro: al di là di uno Sposini troppo protagonista (per di più emozionato), non convince la struttura ‘televisiva’ promessa ieri dal giornalista e (purtroppo) vista in azione oggi. L’affascinante flusso delle domande dei giornalisti, che dovrebbero essere il fulcro del QT, è stato continuamente interrotto da rvm inutili (sembrava Amici) e domande altrettanto superflue di Sposini.

    Gestire una conferenza stampa è una delle cose più difficili che possa esistere: bisogna soddisfare le esigenze dei colleghi, tenere d’occhio i tempi sempre tiranni e soprattutto far uscire qualcosa di utile per la stampa. Se poi si aggiunge che la conferenza stampa in questione riguarda Sanremo e che va in diretta su RaiUno per una quarantina di minuti si può capire la complessità del compito.

    Già questo basterebbe per spingere il moderatore a limitare al massimo i suoi interventi per lasciare spazio ai giornalisti e, al limite, alimentare la discussione per creare un crescendo. E invece, con la scusa di voler rendere televisiva una conferenza stampa, Sposini e la sua squadra hanno messo su un ibrido dal ritmo inesistente.

    L’idea di trasmettere in diretta una conferenza stampa ha una logica interessante, quella di portare il pubblico nel backstage, farlo entrare nel ‘sancta sanctorum’ dell’informazione sanremese: è ‘antitelevisivo’ per definizione (almeno nelle logiche consunte di chi crede che al pubblico interessino soltanto i reality) e tentare di ‘modificarne’ il linguaggio ha avuto effetti devastanti.

    Il flusso delle domande è stato continuamente interrotto da rvm della conferenza stampa di ieri (giornalisticamente preistorica, ormai), che hanno spaziato da una sorta di best of alle dichiarazioni di Canalis e Belen sui loro fidanzati; ci si sono messe anche le domande di Sposini, chiamato a coinvolgere Franco Miseria, Daniel Erzalow e Gaetano Castelli, che altrimenti avrebbero rischiato di far tappezzeria, ma il risultato è stato un coitus interruptus fastidioso e irritante.

    Non sappiamo come abbia reagito la sala stampa dell’Ariston: confidiamo in un cambio di rotta, anche perché sembrava di stare in un pomeridiano di Amici, con la riproposizione di quanto successo in settimana. Così il Question Time (almeno per noi) non ha senso. Confidiamo nel fatto che si tratti di incertezze legate al debutto: vediamo domani come andrà.

    458

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2013Programmi TVRai 1