Sanremo 2011, plagi: Micaela Foti copia Oronero (video)

Sanremo 2011, plagi: Micaela Foti copia Oronero (video)

primo caso di plagio a Sanremo 2011: straordinariamente simili Fuoco e Cenere di Micaela Foti con il brano omonimo delle Oronero

    Scoppia il primo caso ufficiale di ‘plagio’ a Sanremo 2011: è Laura Rio de Il Giornale ad aprire il caso nella conferenza stamoa quotidiana del Festival, segnalando che Fuoco e Cenere di Micaela Foti, ex bambina prodigio di Ti Lascio una Canzone, è identica per musica, titolo e testo a un brano degli Oronero, pubblicato su MySpace il 1° gennaio 2006. L’ufficio legale Rai sta verificando: la squalifica, però, sembra difficile.

    Ecco il video di Fuoco e Cenere degli Oronero, disponibile su MySpace da dicembre 2007.

    Trova altri artisti come ORONERO in Myspace Music

    Il brano di Micaela Foti è accreditato Luca Venturi, Luciano Nigro e Francesco Muggeo, mentre il gruppo delle Oronero (nome non proprio originalissimo, visto che Google ci restituisce decine di grupi e cantanti diversi) è composto da sole donne e ha avuto anche il paicere di lavorare con Gigi DAlessio.

    Beh, l’ascolto lascia pochi dubbi, ma il regolamento di Sanremo, come ha spiegato Gianmarco mazzi nella conferenza stampa appena conclusa, non prevede la squalifica di brani identici ad altri magari già pubblicati su siti personali degli artisti o su Social Network. Il discrimine vero è che il brano ‘plagiato’ abbia mai incassato un introito commerciale, unica testimonianza affidabile per Sanremo di una pregressa diffusione del pezzo, in un contesto sempre più difficile da controllare come quello della rete.

    In più tutti i pezzi presentati e selezionati per Sanremo vengono sottoposti al vaglio della Siae, chiamata proprio a verificare la presenza di commercializzazione: il fatto che la Siae non abbia inviato segnalazioni sul pezzo della Foti fa pensare a Mazzi che non ci siano – da regolamento – gli estremi per una squalifica del brano.

    Per di più, a poche ore dalla sua presentazione all’Ariston, è difficile fare qualcosa, dice Mazzi, e in una giornata convulsa come quella di oggi, tra Unità d’Italia e Benigni, non è il momento per pensarci.

    Tanto più, aggiunge Mazzi, che il brano della Foti è on line da dicembre e i tempi per un ricorso sono ormai scaduti: “potevate farvela uscire prima questa segnalazione, magari ci avreste aiutato a non fare errori. Non si può controllare tutto, proprio per questo abbiamo inrodotto il concetto di canzone nuova e non inedita”. Comunque gli uffici legali rai stanno valutando il caso: ne sapremo qualcosa in più presto.

    448

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE