Sanremo 2011, Morandi in Rinascimento (testo e video)

Il testo di Rinascimento, brano di Gianni Bella cantato da Gianni Morandi nella terza serata, dedicata all'Unità d'Italia

da , il

    Gianni Morandi canta sul palco di Sanremo 2011, da lui condotto, facendo uno strappo alla regola solo per celebrare l’Unità d’Italia con Rinascimento, canzone composta da Gianni Bella poco prima dell’ictus che lo ha colpito e completata dalle parole di Mogol. Testo intenso, per molti destinato a diventare un nuovo inno per un’Italia che cambia; quantomeno la colonna sonora di questo Festival che si fa sempre più convincente. In basso il testo di Rinascimento.

    RINASCIMENTO

    Questo mondo tende la sua mano

    forse cerca Dio

    cerca aiuto a Dio.

    Sento questo mondo ormai lontano

    questo mondo nostro

    questo mondo mio.

    E mi rivedo da bambino

    nei ruscelli con quell’acqua

    trasparente.

    Come adesso è la mia mente

    che già vola sul mare

    perchè vuole cercare

    quelche cosa di vero

    qualche cosa di puro

    che assomiglia all’amore

    che ci manca tanto

    e che ormai

    noi viviamo nel sogno.

    Ma che accade in questo mondo

    sembra un altro mondo

    che ci fa paura

    che ci fa tremare

    cosa accade

    dentro in fondo a noi

    batte ancora il cuore

    o è già morto ormai

    questa sete di potere

    di potere e denaro

    un destino troppo amaro.

    La soluzione forse è pregare

    credere di più in ciò che vale.

    Una vita più spirituale

    meglio adesso sai

    prima di morire.

    Poi forse nasceranno rose

    la coscienza che fiorisce nelle case.

    Una nuova conoscenza

    innocenza e sapienza

    che riunisce la gente

    la gente che ci ascolta

    una luce sorgente

    che irradia le menti e si stende

    sulle albe e i tramonti.

    Finirà lo smarrimento

    sarà un rinascimento

    la speranza grande

    che ci fa vibrare

    fino in fondo

    sentiremo poi qualcosa dentro noi

    vivi più che mai

    un miracolo la fede

    la gioia di chi crede

    finalmente un nuovo mondo

    un nuovo mondo.