Sanremo 2011, Morandi e Mazzi temono Luca e Paolo

Sanremo 2011, Morandi e Mazzi temono Luca e Paolo

Gianmarco Mazzi e Gianni Morandi preoccupati da quel che proporranno Luca e Paolo a Sanremo 2011: i deu comici provano a porte chiuse

    Sanremo2011_Morandi_luca Paolo

    Tutto pronto, o quasi, per il debutto di Sanremo 2011, che partirà domani su RaiUno: dopo mesi di chiacchiere e polemiche stiamo per vedere all’opera tutta la squadra messa su da Gianni Morandi, affiancato (forse offuscato) dalle bellissime Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis e supportato (almeno si spera) da Luca e Paolo. I due stanno provando i loro pezzi a porte chiuse: questo agita un po’ i vertici Rai, ma Mazzi cerca di allontanare i (suoi) timori confidando “nel loro senso di responsabilità“. Mazzi e Morandi sotto sotto tremano.

    Luca e Paolo provano a porte chiuse per assicurarsi la genuinità delle reazioni di Belen, Elisabetta e Gianni Morandi” dice il direttore artistico Gianmarco Mazzi a Vincenzo Mollica che chiede anticipazioni su quel che vedremo da domani sul palco dell’Ariston per la 61ma edizione del Festival di Sanremo.

    In realtà il non sapere cosa stiano elaborando i due comici agita il backstage, soprattutto i vertici Rai, che poi si rifanno sui responsabili del progetto.

    Morandi non nasconde una certa ansia: “Hanno firmato un contratto, ma non vorrei si spingessero troppo oltre…“. E aggiunge: “Ho la sensazione che quello che provano davanti a noi non sia quello che ascolteremo in diretta durante il Festival“.

    Del resto l’unica speranza di vivacizzare il festival è nelle mani delle ‘Iene’ Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu: Morandi è impegnato a svolgere la liturgia del Festival senza intoppi e soprattutto a ‘parare’ i danni di Belen ed Elisabetta, che non sono proprio delle ‘garanzie’ nello svolgimento della serata, piuttosto delle ‘mine vaganti’ dalle forme sinuose pronte a far scatenare i fotografi. Lo show probabilmente è altrove: a differenza di Mazzi, noi confidiamo nell’irresponsabilità di Luca e Paolo.

    342