Sanremo 2011: la Rai (disperata?) pensa a Vespa, che (saggiamente) dice no

Sanremo 2011: la Rai (disperata?) pensa a Vespa, che (saggiamente) dice no

Bruno Vespa conduttore di Sanremo 2011? "Grazie, ma faccio un altro mestiere" ricorda Vespa alla Rai

    Bruno Vespa e Morgan nello speciale Porta a Porta dedicato al caso Morgan

    Diciamocelo, è l’indiscrezione più bella dell’estate: Dagospia (ripresa da Repubblica) rivela che la Rai ha pensato a Bruno Vespa per la conduzione di Sanremo 2011. “E’ una delle tante ipotesi prese in considerazione” dicono da Viale Mazzini, confermando quindi quella che sembrava essere una boutade da ultimi giorni di ombrellone. A rimettere il mondo a posto ci ha pensato lo stesso Vespa che in una nota ha chiuso rapidamente la questione: “Lusingato ma faccio un altro mestiere“.

    In Rai evidentemente non sanno davvero a quale santo votarsi per la conduzione del prossimo Festival di Sanremo se è stata (seriamente) presa in considerazione l’ipotesi di affidare la kermesse più nazional-popolare della tv italiana a Bruno Vespa, Sua Santità dell’informazione Rai.
    Per carità, un grandissimo professionista, assolutamente a suo agio tra i Palazzi della politica e tra le poltroncine bianche del suo salotto – anche quando sono state trasferite al Casinò di Sanremo per il Dopofestival – ma di certo un po’ fuori luogo a presentare Big e Nuove Proposte a botte di annunci stile “di Pace-Panzeri-Conte-Argenio, La Pioggia …“.

    L’idea, però è davvero circolata nei corridoi di Viale Mazzini ed è stata origliata da Dagospia, facendo rapidamente il giro dei media italiani. “Grazie, lusingato, ma faccio un altro mestiere” ha quindi dovuto rispondere Vespa ai giornalisti che lo hanno immediatamente contattato per una dichiarazione.

    Nel frattempo dalla Rai fanno sapere che tutte le indiscrezioni circolate in questi mesi sono assolutamente senza fondamento: i nomi di Gianni Morandi (che ha già smentito peraltro da un mese), Massimo Ranieri (dato finora per disponibile anche con indicazione di cachet, visto che qualcuno ha parlato di una richiesta di 800.000 euro), Milly Carlucci, Max Giusti e Teo Teocoli sono quindi da considerare mere supposizioni.

    E’ stata sconfessata da Viale Mazzini persino l’ipotesi Belen Rodriguez, finora onnipresente e costante in ogni combinazione possibile: che c’entri lo scandalo coca nei locali milanesi?

    Intanto la questione Sanremo 2011 è al primo posto nell’ordine del giorno del Presidente Rai Mazza e del direttore di RaiUno Masi, decisi ad affrontare il caso al termine delle ferie, ormai imminente: entro settembre, infatti, bisognerà mettere a punto la squadra responsabile del grande evento Rai non solo per dare il via alle procedure organizzative (in primis il regolamento) ma soprattutto per ‘tranquillizzare’ e stimolare gli inserzionisti pubblicitari. Secondo voi alla fine chi ci ritroveremo sul palco dell’Ariston?

    480