Sanremo 2011: BTwins, Mi rubi l’amore (testo)

Sanremo 2011: BTwins, Mi rubi l’amore (testo)

Il testo di Mi rubi l'amore firmato dalla coppia di gemelli di Ascoli BTwins, i primi gemelli a partecipare a Sanremo nella sezione nuove proposte

    btwins

    Per la prima volta al Festival di Sanremo canteranno due gemelli: Eraldo e Giuseppe Di Stefano, i BTwins, si presentano nella categoria nuove proposte e per distinguerli basta guardare i capelli. Uno ha la riga a destra (Eraldo), l’altro ce l’ha a sinistra (Giuseppe). Canteranno fra le nuove proposte, ossia gli esordienti. I due fratelli di Ascoli Piceno sono cresciuti al Cet, la scuola per cantanti di Mogol. Dopo il salto il testo della loro Mi rubi l’amore.

    Nati ad Ascoli Piceno nel 1991 i due gemelli Di Stefano porteranno una canzone dedicata all’amore. Ecco il testo:

    MI RUBI L’AMORE (S. Grandi – C. Chiodo)
    Mi rubi l’amore
    mi lasci il tuo sapore
    e dopo te ne vai.
    Il destino ci ha fatto incontrare
    uno sguardo avvincente
    e già eravamo compici.
    Un messaggio una prima volta
    e l’anima che vola
    tra cielo e distese immense.
    Ma tu non riesci ancora
    a fare la tua scelta
    non sai difenderti
    dai ritorni del passato.
    Mi rubi l’amore
    mi lasci il tuo sapore
    e dopo te ne vai.
    Ti prendi l’amore
    io non ti so fermare
    per quanto bella sei.
    Ogni volta che siamo vicini
    sento il suono di due cuori
    che battono all’unisono.

    I tuoi occhi non sanno mentire
    basta poco per capire
    quello che non puoi negare.
    Tu sei prigioniera del tuo orgoglio
    comincio a credere
    che non vuoi stare meglio.
    Mi rubi l’amore
    mi lasci il tuo sapore
    e dopo te ne vai
    ti prendi l’amore
    io non ti so fermare
    per quanto bella sei.
    Ti voglio sempre sai
    ti voglio sempre ormai
    ti voglio adesso e sempre
    e non so più come fare.
    Mi rubi l’amore
    mi lasci il tuo sapore
    e dopo te ne vai.
    Mi rubi l’amore
    mi lasci il tuo sapore
    e dopo te ne vai.
    Mi rubi l’amore

    342