Sanremo 2010, la Rai (ri)smentisce la presenza di Morgan

Sanremo 2010, la Rai (ri)smentisce la presenza di Morgan

La Rai smentisce l'annuncio della Clerici che aveva detto che Morgan sarà a Sanremo: il DG Rai dice, invece, che Morgan non sarà all'Ariston né in video, né di persona

    Dopo l’annuncio a sorpresa dato da Antonella Clerici al Tg1 (“Morgan ci sarà”), la direzione generale della Rai si affretta a smentire: “Morgan non sarà a Sanremo in nessuna forma, né in video né di persona” si legge in un comunicato. A questo punto si ipotizza che dall’Ariston si sentiranno riecheggiare le note de La Sera, la canzone con la quale Morgan avrebbe dovuto partecipare al Festival se non avesse confessato il consumo quotidiano di cocaina al mensile Max. Lo stillicidio continua.

    Morgan non sarà a Sanremo in nessuna forma, né in video né di persona” fa sapere la Direzione Generale della Rai, pochi minuti dopo l’intervista del Tg1 ad Antonella Clerici, che ha invece annunciato che Morgan sarà a Sanremo 2010. Difficile che la Clerici, da martedì padrona di casa del principale show dell’ammiraglia Rai, si lasci sfuggire una gaffe del genere senza che sia verificata: sarebbe segno di una grandissima confusione sotto il cielo di Sanremo. L’ipotesi più accreditata, a questo punto, è che venga fatta sentire la canzone che Morgan avrebbe dovuto presentare al Festival, La Sera, il cui testo è stato giudicato il più elegante dell’edizione 2010.

    Ma in che forma si sentirebbe la canzone? E’ stata registrata una versione durante le prove o verrà mandato in onda la demo? Di fatto ci sembra un modo per rendere ancora più ingombrante l’assenza di Morgan dal palco dell’Ariston.

    In ogni caso, se si facesse ascoltare la canzone di Morgan, la cosa assumerebbe il valore di ‘risarcimento’ per l’esclusione dalla gara: si garantirebbe al pezzo un’audience comunque di tutto rispetto, che farebbe da traino ai lavori discografici dell’artista.

    Ancora una volta, quindi, la Rai adotta una strategia ‘cerchiobottista’: Morgan c’è e non c’è, compare e scompare. Al di là di tutto un ottimo mezzo per accrescere l’attesa e stimolare l’attenzione di media e pubblico sulla kermesse, che ha il difficile compito di bissare gli ascolti della scorsa edizione, targata Bonolis. Noi speriamo, però, che questa altalena si fermi: si finisce per danneggiare Morgan, oltre che svelare i soliti mezzucci acchiappa-Auditel che prolificano di fronte a eventi tv del genere, a rischio flop.

    411