Sanremo 2010: la classifica secondo il televoto

Sanremo 2010: la classifica secondo il televoto

La classifica secondo il televoto del Festival di Sanremo 2010

    La classifica del Festival di Sanremo 2010 è stata al centro della puntata di ieri sera di Porta a Porta, che ha celebrato il successo di Antonella Clerici e ha ‘esaminato’ il caso Pupo & Emanuele Filiberto. Il direttore di RaiUno, Mauro Mazza, ha fatto due puntualizzazioni importanti: in primis che il Festival non rinuncerà al televoto, visto che tiene i telespettatori incollati allo schermo per vedere ‘come andrà a finire’ e quindi fa crescere gli ascolti Tv; in secudis corregge la ricostruzione del televoto fatta ieri dall’Avvenire: nell’ultima fase del televoto, quella tra i tre finalisti, i voti sono arrivati ex novo, non si sono quindi aggiunti a quelli registrati fino alle 23.12.

    Televoto, croce e delizia di Sanremo 2010. Una croce perché la composizione del podio – con due ripescati, ovvero Valerio Scanu (poi vincitore) e Pupo & il Principe dal brano criticatissimo – ha lasciato l’amaro in bocca a tutti, soprattutto agli orchestrali che hanno platealmente (e coraggiosamente) contestato il terzetto finalista (di cui mostrava di apprezzare solo Marco Mengoni); delizia perché si è trasformato in ascolti record e in un guadagno di oltre 2 milioni di euro.

    Ha fatto discutere la pubblicazione dei ‘blindatissimi’ dati del televoto da parte dell’Avvenire, che è riuscito ad entrare in possesso dei tabulati delle quattro serate in cui è stato utilizzato. In particolare ha ‘interessato’ la ricostruzione di quei 53 minuti che hanno visto il sorpasso di Valerio Scanu ai danni del Principe & Co, ovvero quelli trascorsi tra l’inizio e la fine del televoto per i soli tre finalisti: Avvenire parla di voti aggiunti a quelli giunti fino alle 23.12, realtivi alla composizione del terzetto finalista, Mazza specifica che quegli ultimi voti non sono stati aggiunti ai precedenti ma, da soli, sono valsi il podio.

    Rivediamo, però, la classifica dei Big secondo la prima parte del televoto, chiuso alle 23.12:
    Pupo & Co (212.482 voti);
    2° Valerio Scanu (135.588);
    3° Marco Mengoni (80.287);
    4° Povia (61.125);
    5° Arisa (37.069);
    6° Irene Fornaciari e i Nomadi (36.210);
    7° Noemi (23.089);
    8° Malika Ayane (21.668);
    9° Irene Grandi (18.358);
    10° Simone Cristicchi (16.031).

    Da qui l’Avvenire, tabulati alla mano, ha parlato di una vittoria di Valerio Scanu con 235.105 televoti (135.588 + 96.517 arrivati tra le 23.39 e le 00.32, ultima fase del televoto) seguito da Pupo & il Principe con 213.866 (113.284 + 1.384) e da Marco Mengoni con 187.913 (80.287 + 107.626). Questi i dati finali del televoto, confermati anche da un servizio di Porta a Porta (per rivedere la puntata vi rimandiamo al sito di Rai.tv).

    Ma Mazza ha specificato ieri a Porta a Porta che i voti arrivati nella finalissima a tre (decisa dal solo televoto) non sono stati sommati a quelli precedenti. “L’articolo dell’Avvenire, che pubblica i dati sostanzialmente esatti, ha una piccola imprecisione, però determinante: non è chiaro nell’articolo che all’inizio della finalissima, rimasti in tre a cantare, il televoto si è azzerato, è ricominciato da zero, e in quell’ora scarsa della finalissima a tre hanno votato 636.000 utenti, a fronte dei 660.000 arrivati in semifinale“.

    Insomma, circa un quarto dei 2.412.881 televoti giunti per i Big da giovedì a sabato si sono concentrati in quei 53 minuti della finalissima a tre. Possibile? Evidentemente sì, perché se così non fosse la classifica sarebbe completamente diversa e vedrebbe:
    1. Marco Mengoni (differenza voti tra semifinale e finalissima 107.626);
    2. Valerio Scanu (96.517);
    3. Pupo & Il Principe (1.384).

    Ci metteremo a fare tutti i conti, tra i dati forniti da L’Avvenire e quelli dati ieri da Mazza: andiamo in pace.

    646