Sanremo 2010, il meglio delle cinque serate (video)

Il best of della 60ma edizione del Festival di Sanremo, dall'inizio con Paolo Bonolis agli ospiti internazionali, passando per la rivolta degli orchestrali del Festival

da , il

    Il 60mo Festival di Sanremo è stato senza dubbio pieno di sorprese: in primis Antonella Clerici, che con la sua conduzione familiare ha fatto di Sanremo uno spettacolo piacevole e più leggero del solito; in secundis gli ascolti che hanno premiato la materna Clerici che ha battuto persino i record dell’istrionico Bonolis, alla vigilia considerati irraggiungibili. Un record anche quello del televoto, che ha decisamente superato le cifre dello scorso anno, con risultati senza dubbio discutibili, visto che sul podio non sono riuscite a salire artisti come Noemi, Malika Ayane e Cristicchi e che dietro il vincitore Valerio Scanu si è piazzato il Trio de I Raccomandati, seguito da Marco Mengoni. E la reazione scomposta dell’Orchestra all’annuncio dei tre finalisti (in alto) resterà nella storia della kermesse: far imbestialire i maestri è un altro record. Ma ripercorriamo questa cinque giorni, con il (nostro) best of della 60ma edizione del Festival di Sanremo.

    Partiamo, come ovvio dall’inizio, con l’apertura lasciata a Paolo Bonolis e Luca Laurenti che nel 2009 ci hanno regalato uno dei Festival più divertenti della storia. E per quasi mezz’ora si è riassaporato il gusto della scorsa edizione: li rivediamo in basso.

    Ma la prima serata è stata anche quella delle ‘cassanate’ di Antonio Cassano e dello spogliarello di Dita Von Teese, che rivediamo in basso.

    Gli ottimi risultati d’ascolto hanno rasscurato la rassicurante Antonella che si è lanciata in un ironico can can con le ballerine del Moulin Rouge, ospiti della seconda serata con la Regina Rania di Giordania. Rivediamo il french Can Can di Antonella.

    Terza serata con i ripescaggi di Valerio Scanu e del Trio Pupo, Emanuele Filiberto di Savoia e Luca Canonici, al centro delle polemiche prima, durante e dopo il Festival. Ma è stata anche la (lunga) serata della leggenda, che ha omaggiato i 60 anni di Sanremo. Rivediamo in basso i momenti a nostro avviso più ‘toccanti’, ovvero lo straordinario duetto di Fiorella Mannoia ed Elisa che hanno ricordato Mia Martini con Almeno Tu Nell’Universo e il Vola Colomba di Nilla Pizzi, prima vincitrice del Festival.

    Altro momento ormai entrato nella tradizione del Festival quello dei duetti dei Big, accompagnati in una libera rivisitazione del loro pezzo da colleghi o da personaggi di varia natura. Non potevao non inserire il discusso monologo del CT della Nazionale Marcello Lippi, che ha fatto da intro al pezzo di Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici, e l’esibizione di Simone Cristicchi, accompagnato dal coro dei minatori di Santa Fiora.

    Ma meritano un posto in questo album della 60ma edizione anche Bob Sinclar e il momento della proclamazione del vincitore della sezione Nuova Generazione, Tony Maiello, raggiunto fuori programma dal padre in lacrime sul palco dell’Ariston.

    E come dimenticare il ritmico fondoschiena di Jennifer Lopez? Eccolo, ma è sconsigliato ai deboli di cuore.

    Arriviamo alla finalissima della ‘topolona’ Lorella Cuccarini nuda (vestita però da una splendida realizzazione digitale curata da Tommassini, davvero extraterrestre) e del talk politico (fuori luogo) di Costanzo, che ha visto sul palco gli operai di Termini Imerese e un battibecco tra Bersani e Scajola, condito dai sonori fischi del pubblico che voleva conoscere il nome del vincitore di Sanremo 2010.

    Ed eccolo il vincitore di Sanremo 2010, Valerio Scanu, secondo degli Amici di Maria De Filippi a conquistare il gradino più alto del podio dopo l’affermazione, lo scorso anno, di Marco Carta. Alle sue spalle il contestatissimo Trio e poi l’X Factor di Marco Mengoni, che arriva a scusarsi prima della sua ultima esibizione perché convinto che ci fosse tra gli esclusi chi meritava più di lui. Le scuse dovrebbero farle altri.

    Noi chiudiamo con l’immagine-simbolo della conduzione casareccia, familiare, pratica, solida di Antonella Clerici che canta sull’Ariston Le Tagliatelle di Nonna Pina, prima di fare gli auguri alla sua piccola Maelle, nata esattamente un anno fa, nel giorno dell’esordio di Sanremo 2009. Un segno del destino.