Sanremo 2009: Povia applaude Benigni, Zanicchi furiosa

Sanremo 2009: Povia applaude Benigni, Zanicchi furiosa

Iva Zanicchi polemica con gli organizzatori del Festival: "Dovevano farmi cntare prima dell'intervento di Benigni"

    Sanremo 2009, Zanicchi e Povia (Ansa)

    L’eliminazione non va giù a Iva Zanicchi che ritiene di essere stata penalizzata dalle battute di Roberto Benigni sul suo pezzo. “Dovevo cantare prima del suo intervento” rivendica la cantante che giudica il livello delle canzoni piuttosto basso. Intanto Povia, intervistato da Mollica, plaude a Benigni: “Come me esalta l’amore universale, etero o omo che sia“.

    Partiamo da Iva Zanicchi che intervistata da Alfonso Signorini sostiene di essere stata penalizzata dall’esibizione di Benigni che ha insistito sul suo pezzo, Ti Voglio Senza Amore, disegnandolo come un inno al sesso peraltro ‘non rapido’. “Iva! Da te non me lo aspettavo! E’ come dire trombami e non finire presto…e che è!” ha più volte ripetuto Benigni insistendo sul testo della sua canzone, ancora inedita mentre si svolgeva il suo monologo.

    Non penso ancora di essere rincoglionita! – ha detto la Zanicchi – Canto da molti anni e credo molto nella mia canzone, tra le 3 o 4 migliori del Festival. Il livello generale è molto basso. Benigni è un grande comico e può dire ciò che vuole. L’unica cosa che dico è che sarebbe stato opportuno, e sottolineo opportuno, che gli organizzatori mi facessero cantare prima della sua esibizione“.
    La Zanicchi avrà anche le sue ragioni ma va detto anche, per precisione, che l’eliminazione è stata decisa dai 300 delle Termopili presenti in teatro, ovvero i 300 membri della giuria demoscopica: una giuria ristretta, di certo consapevole del proprio ruolo e di sicuro ‘responsabilizzata’ dall’organizzazione. Diverso sarebbe stato se le canzoni fossero state da subito sottoposte al giudizio del televoto: lì effettivamente il peso di Benigni si sarebbe è potuto sentire di più.
    Ma comunque Iva potrà essere ripescata nella serata di domani, proprio dal televoto: una bella polemica può di sicuro aiutare.

    Povia è invece intervenuto ai microfoni del Tg1 intervistato da Vincenzo Mollica: “Non riesco ad andare contro Grillini (che ieri dalla platea aveva risposto alla sua canzone, n.d.r.), mi sta simpatico. E Benigni, beh predica l’amore universale come me“.

    Intanto nel Question Time andato in onda alle 13.00 su RaiUno, è stato Fabrizio Del Noce ha rivolgere una domanda ai giornalisti: “Siate sinceri, non vi aspettavate dei risultati Auditel del genere!”. mentra la gran parte scuote la testa a significare un ‘no’ Marinella Venegoni va controcorrente: “Io sì, anche perché dall’Epifania è stata compiuta un’ottima campagna stampa che ha saputo creare attesa.

    E poi si sa che gli italiani accorrono sempre in aiuto nei momenti di difficoltà“. Ma Bonolis ha risposto piccato: “Buono a sapersi per quelli che verranno dopo di me: non c’è bisogno di fare un bel Festival, basta invitare la gente a guardarlo!“.

    Tutti concordi a considerare Mina e Benigni i veri ‘salvatori’ della prima serata, coloro che hanno determinato i picchi di ascolto che hanno fatto balzare la media del festival a oltre 10 milioni di telespettatori. Ma non si può dimenticare che sono stati molti gli ascoltatori rimasti davanti alla tv fino all’1.20, ben tre ore dopo l’intervento di Benigni. E qui non c’è scusa che tenga.

    Per stasera apertura con l’orchestra che partirà da Mozart per arrivare al rock duro e vedrà l’omaggio a Fabrizio De André. Si riascolteranno i 13 Artisti in gara e le altre 6 Proposte. Primadonna Eleonora Abbagnato.

    (Foto: Ansa)

    688