Sanremo 2009: Arisa e Laura Perego, i due volti del Festival

Sanremo 2009: Arisa e Laura Perego, i due volti del Festival

Laura Perego e Arisa incarnano perfettamente le due anime del 59mo Festival di Sanremo: trasgressione e eccentricità, tradizione e qualità, timidezza e spavalderia, come voluto da Paolo Bonolis

    Laura Perego ed Arisa hanno movimentato la quarta serata del 59° Festival di Sanremo: la prima è balzata all’improvviso sul palco dell’Ariston nuda, mentre la fiabesca Arisa ha conquistato critica e pubblico aggiundicandosi la vittoria nella sezione Proposte 2009. Perfetta sintesi dei due volti di Sanremo 2009.

    I binomi tradizione/innovazione, ortodossia/spettacolo, qualità/trash hanno trovato una sintesi perfetta in questo 59° Festival di Sanremo, il secondo targato Bonolis eletto a furor di popolo Re dell’Ariston, con buona pace del veterano Pippo Baudo, declassato al ruolo di Ciambellano di Corte.

    Arisa, con la sua indefinibile aria da personaggio delle fiabe, timida e quasi impaurita, che si nasconde dietro enormi occhiali vintage e cammina a testa bassa guadagnando a passi rapidi l’uscita, e Laura Perego, con la sua trasgressione sexy e la spavalderia di chi vuole raggiungere lo show-biz ad artigliate (non a caso si è fatta dipingere il corpo da tigre) rappresentano bene le due anime di questo Sanremo 2009, che hanno trovato in Paolo Bonolis un perfetto ago della bilancia.

    Ma scopriamo qualcosa di più su di loro.
    Arisa nasce a Genova nel 1982 da papà Antonio, autista di bus, da mamma Assunta, casalinga; cresciuta a Pignola (Pz) con le sorelle Isabella, ora fotografa, e Sabrina, ora 17enne altra aspirante cantante, ha un diploma di estetista e un nome che sembra inventato, Rosalba Pippa. Arisa è un affettuoso acronimo con il quale ha riassunto la sua famiglia. Prima ancora che di conquistare il pubblico con la melodia retrò (ma contenuti eterni) di Sincerità, impreziosita giovedì sera dall’accompagnamento dell’86enne maestro Lelio Luttazzi, Arisa ha incuriosito il pubblico con il suo look. “Mi è sempre piaciuto uno stile originale, buffo. Pantaloni larghi, occhialoni, capelli alla collegiale. Anche se non ho un buon rapporto con il mio aspetto: se qualcuno mi dice che sono bella, non ci credo e allora si cominciano a incrinare i rapporti” ha detto questa mattina hai giornalisti che l’anno accolta in sala stampa con un’ovazione. Un’amore tale quello della stampa che ha portato ad Arisa anche il premio della critica “Mia Martini”, superando le colleghe Malika Ayane e Simona Molinari.

    Un risultato se si vuole scontato, se si considera l’entusiasmo scatenatosi in sala stampa durante le sue esibizioni. In basso un video tratto da YouTube realizzato da uno dei giornalisti accreditati che da bene l’idea dell’affetto dei giornalisti, che hanno immediatamente riconosciuto in lei un personaggio da non lasciar scappare.



    In qualche modo ci ricorda la Momo di Fundanela, scoperta da Piero Chiambretti nel Dopofestival del 2007. Ma se Momo ha un’anima cabarettistica, Arisa, che porta sempre con sé la sua famiglia – non solo nel nome, visto che ieri sera era tutta schierata all’Ariston -, è un ‘animale’ da musica, non volutamente da palcoscenico. Speriamo davvero non scompaia rapidamente: è una presenza soffice, magica, fuori dal tempo e dallo spazio, che fa piacere trovare sulla ribalta televisiva.

    Tutt’altro percorso, ovviamente, per la giovane pornostar Laura Perego, 22enne di origine siciliana, con la passione per il sesso (come ovvio) e per il cibo, accoppiata non certo originale. Ha al suo attivo un film hard (e certo), Il Regista, diretto da Andy Casanova, e un discusso video hard girato con il suo ex, nientepopodimenoche Fernando Vitale, ex Tronista di Uomini e Donne, suo amante per quattro anni. Un trascorso di cui ci siamo occupati non molto tempo fa.

    Che la ragazza cerchi la ribalta tv è evidente: il suo quarto d’ora di celebrità nazionale l’ha avuta certo salendo in perizoma sul palco dell’Ariston, ma i patiti del genere possono da tempo ammirarla nel talk show Sexy Bar su Mediasex (canale 864 di Sky). In basso una sua esibizione.



    Come riescano a conciliarsi due mondi tanto lontani sa di pozione magica, quella con la quale Bonolis ha riportato Sanremo nelle grazie del pubblico e della critica.

    (Foto: Movie Project; Corriere della Sera)

    935