Salta la prima di Domenica In: Cuccarini e Giletti in panchina per problemi tecnici

Salta la prima di Domenica In: Cuccarini e Giletti in panchina per problemi tecnici

Slitta la prima puntata di Domenica In, prevista per domenica 2 ottobre: la Rai parla di problemi tecnici che rendono necessario uno spostamento del debutto al 9 ottobre

    Domenica in Giletti Cuccarini

    Slitta la prima puntata di Domenica In, che avrebbe dovuto far ritorno sugli schermi di RaiUno da domani, domenica 2 ottobre. La spiegazione fornita dalla Rai fa riferimento a ‘problemi tecnici’, che hanno reso necessario lo spostamento “per permettere ai conduttori di poter svolgere il loro lavoro nella migliori condizioni possibili“. Raggiunto telefonicamente da Alfonso Signorini, Massimo Giletti ha fatto riferimento a problemi di scenografia. Possibile che in Rai non siano più neanche in grado di organizzarsi con mesi di anticipo?

    Ci sono stati dei problemi tecnici, problemi di costruzione, di impalcature, di strutture, di ritardi. Non si parte. Purtroppo a volte succedono degli impicci, anche se non dovrebbero avvenire, ma ormai è successo“: così Massimo Giletti ha confermato ad Alfonso Signorini la mancata partenza della nuova edizione di Domenica In, che vede il ritorno del suo talk show, L’Arena, nella prima parte del contenitore pomeridiano e poi del lungo segmento di Lorella Cuccarini dedicato allo spettacolo, al gossip e agli ospiti.

    Di fatto pare che lo studio de L’Arena non avesse nessun problema, tanto da far inizialmente ipotizzare un kickoff puntuale per Giletti, che aveva già messo a punto la sua scaletta e convocato anche gli ospiti; poi la Rai ha pensato bene di rimandare l’intero ‘pacchetto’ Domenica In alla prossima settimana. Lo conferma il direttore di RaiUno, Mauro Mazza: “Non è successo niente, c’è solo un ritardo tecnico che riguarda la scenografia, partiamo il 9 ottobre anzichè il 2. Martedì ho saputo che la parte condotta da Lorella Cuccarini non poteva partire perchè la scenografia non era pronta. Avremmo dovuto partire con Giletti ma c’era ancora da calibrare bene la seconda parte. Per cui si parte il 9, a pieno regime“.

    La situazione sembra strana a molti: certo, possono avvenire inconvenienti nella realizzazione e nella messa a punto di uno studio tv, anche se dalle ottime maestranze della Rai non ce lo si aspetta.

    Il laconico comunicato di Viale Mazzini, poi, non aiuta a far chiarezza. Fatto sta che molti hanno (mal)pensato che dietro allo slittamento della prima puntata di Domenica In possa esserci un ‘indiretto’ tentativo di bloccare la puntata de L’Arena, che per il debutto aveva previsto all’ordine del giorno un approfondimento sul caso Baila!-Ballando con le Stelle e una discussione sui privilegi e sul radicamento della ‘casta’, con ospiti Gian Antonio Stella e Matteo Renzi.

    Beh, onestamente (e personalmente) dubitiamo che la scelta di far slittare Domenica In alla prossima settimana possa attribuirsi a un tentativo di ‘censura’: di fatto quelli scelti da Giletti per il debutto sono argomenti ‘evergreen’ e quindi ‘giocabili’ anche la prossima settimana. Se poi nel lungo ciclo della trasmissione non dovessero essere riproposti, beh allora qualche motivato sospetto potrebbe anche sorgere. Ci sembra che tutto sia riconducibile a un ritardo nella messa a punto della scenografia: certo che in Rai ormai succede di tutto.

    538