Salma Mike, la moglie non si arrende

Ancora nessuna notizia della salma di Mike Bongiorno, trafugata a gennaio dal cimitero di Dagnente

da , il

    La moglie di Mike Bongiorno e i tre figli ai funerali del Re del Quiz

    La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata dal cimitero di Dagnente, sul Lago Maggiore, nella notte tra il 24 e il 25 gennaio scorso e si è ancora molto lontani dalla soluzione del caso. Nei mesi scorsi sono stati arrestati degli sciacalli, ma della bara di Mike nessuna traccia. A mesi di distanza parla per la prima volta la moglie, Daniela Zuccoli, che in un’intervista a Oggi ribadisce che farà di tutto per riavere il suo Mike, anche se “il suo spirito è sempre vicino a me – dice – mi consiglia e mi protegge“.

    Sono trascorsi quasi quattro mesi dalla notte in cui la salma di Mike Bongiorno fu rubata da un piccolo cimitero affacciato sul Lago Maggiore, nei pressi della villa dove il re del Quiz viveva con la famiglia. E’ quindi seguito l’arresto di due sciacali che avevano contattato i Bongiorno per il riscatto, ma la famiglia non si arrende all’idea di non poter riavere il corpo dell’amato Mike.

    Penso che prima o poi qualcuno si farà avanti – dice Daniela Zuccoli nella sua prima intervista pubblica dopo il furto rilasciata a Oggi - Io e i miei figli faremo di tutto per riavere Mike. Il furto della sua salma è un dolore che si è aggiunto al grande dolore della sua scomparsa. Però chi ha rapito quella bara ha preso solo il corpo di mio marito. Il suo spirito è sempre vicino a me“.

    Non perde la speranza Daniela, che ricostruisce anche i primi momenti dopo la notizia della profanazione della tomba del marito: “Ho pensato che lui da lassù si fosse divertito a fare un po’ di caos quaggiù, sulla terra. Una delle sue burle, perché lui amava tanto scherzare. In realtà cercavo disperatamente di dare un senso a un fatto così triste. Ora mi aggrappo all’idea che, comunque vada, non sia importante il corpo di Mike ma l’amore che lui ha lasciato intorno a sé, tra noi familiari e tra tutti quanti gli hanno voluto bene. Questo nessuno ce lo potrà rubare“.

    E come un dono è apparsa alla Zuccoli la nascita della sua nipotina, Margherita, figlia del primogenito Michele, nata lo scorso 31 marzo. La scelta del nome non è causale: era il nome scelto da Mike e Daniela qualora avessero avuto una figlia. “Quando l’ho presa in braccio per la prima volta – racconta teneramente la moglie di Mike – ho pensato ‘tu vieni dal luogo dove c’è anche tuo nonno, sei appena arrivata dal cielo, certamente lassù l’hai incontrato e ne hai ancora memoria’. In quel momento lei ha aperto gli occhi e ho visto lo stesso sguardo di mio marito. Mi sono sentita invadere da una grande commozione, da un grande calore. Era come se attraverso quella bimba appena scesa dal cielo io stringessi fra le braccia mio marito“.

    Noi ci auguriamo che il caso sia presto risolto e che Mike torni a riposare sereno accanto ai suoi cari: nessuno merita un castigo del genere.