Ruzzle, da app fenomeno a quiz tv: ci pensa Gerry Scotti

Ruzzle, l'app fenomeno che ha conquistato il mondo, sta per diventare un quiz TV grazie a Gerry Scotti

da , il

    Ruzzle, da app a quiz grazie a Gerry Scotti

    Ruzzle in poche settimane è diventato un fenomeno mondiale e adesso sta per barcare in TV. Gerry Scotti lo farà diventare presto un quiz per Canale 5. Ruzzle è un gioco app per iPhone e Android ideato da un gruppo di sviluppatori svedesi che in meno di qualche settimana si è trasformato in un fenomeno di massa e dopo aver rubato ore e ore del nostro tempo su Facebook, il giochino è pronto al grande salto: diventare un quiz per la TV.

    Dopo le lacrime di Italia’s Got Talent sembra che a Gerry Scotti manchi un po’ l’atmosfera dei quiz e ha deciso con un gruppo di autori di tradurre il paroliere del nuovo millennio in quiz a premi: ‘Abbiamo già contattato la società che produce Ruzzle per trasformarlo in un nuovo format. In questo periodo in cui l’idiozia pare dominare, un gioco che usa le parole non può che fare bene a tutti‘, ha detto l’indimenticato presentatore di Passaparola al Tgcom. Fra i fan di Ruzzle anche molti volti noti della tv, potete sfidare online: Federica Panicucci, Costanza Caracciolo, Luca Bizzarri, Paolo Bonolis, Elena Santarelli e Luca Argentero.

    La nascita di Ruzzle risale al 2011 quando gli svedesi della Mag Interactive hanno iniziato a lavorare a questo gioco a metà strada fra Scarabeo e Paroliere ed ecco che nel marzo dello scorso anno nasce Rumble, ribattezzato poi Ruzzle. Il quiz ispirato all’omonima app andrà in onda su Canale 5 in fascia preserale e ancora bisogna capire quando il format vedrà luce e quando verrà trasmesso, ma fossimo in Mediaset sfrutteremmo l’onda del successo del rompicapo online. Ruzzle, poi, sarebbe una sorta di ritorno alle origini per Gerry Scotti che portò al successo Passaparola, uno dei quiz più interessanti e godibili finora andati in onda nel preserale letterine permettendo. Scotti non ha mai nascosto che Passaparola gli manca e in un’altra intervista a TV Sorrisi e Canzoni ha raccontato: ‘Resto convinto che la ruota finale di Passaparola sia irresistibile. Ci stiamo pensando‘. Il suo “pensiero” va appunto all’edizione televisiva di Ruzzle anche se Scotti ha ammesso di non aver mai giocato al quiz: ‘Non amo nascondermi in una vita virtuale. Preferisco parlare dal vivo con la gente, guardandola in faccia. Ma capisco che proprio il fatto di sfidare anche sconosciuti possa intrigare. E poi i ragazzini sono affascinati per forza di cose da tutto ciò che è tecnologico‘. Magari prima di lanciare il format una partitina, zio Gerry, falla.