Rita Dalla Chiesa contro La7: se il nuovo programma non parte, andrà in tribunale

Rita Dalla Chiesa contro La7: se il nuovo programma non parte, andrà in tribunale

Sempre più a rischio il nuovo programma di Rita Dalla Chiesa a La7: la conduttrice annuncia battaglia contro la rete

    Si preannuncia una battaglia in tribunale per Rita Dalla Chiesa e La7. La conduttrice televisiva è pronta a difendere il suo nuovo programma, La Settima Onda, con le unghie e con i denti, a costo di fare causa all’emittente di Urbano Cairo. Dopo la notizia shock della possibile cancellazione della trasmissione, giungono ora le dichiarazioni durissime della ex regina di Forum.

    Pensava di aver trovato una nuova casa a La7, un’isola felice e accogliente che potesse farle dimenticare i torti subiti in quel di Mediaset, ma forse ora si starà ricredendo. La Dalla Chiesa è infatti intervenuta con parole di fuoco dopo che La7 ha paventato l’ipotesi di stoppare la produzione de La Settima Onda, causa costi eccessivi. Ecco come ha reagito la conduttrice, affidando il relativo comunicato all’Ansa:

    ‘Se dovessi ricevere una conferma scritta e l’ipotesi di cancellazione dovesse risultare ufficialmente, allora sarò costretta a portare Cairo e la sua rete davanti ai giudici. Voglio augurarmi che questo non abbia seguito e che non debba essere costretta a tutelare il mio buon diritto in tribunale.’

    Una dichiarazione che non lascia spazio a fraintendimenti, supportata da quella di Lucio Presta, manager di Rita Dalla Chiesa:

    ‘Dopo aver rinunciato alle reiterate proposte di Mediaset, non si può credere che all’ultimo momento, pare per motivi di budget, l’attività artistica e l’immagine di Rita possano subire un danno tanto grave quanto ingiustificato.’

    A La7 sono caduti dal pero, come si suol dire, non aspettandosi minimamente che il noto volto televisivo potesse arrivare a tanto. E la replica è stata altrettanto secca:

    ‘La7 comunica di aver preso atto con stupore delle dichiarazioni della Sig.ra Dalla Chiesa e precisa che l’azienda non ha alcun obbligo contrattuale relativamente alla produzione e alla messa in onda di uno specifico programma, essendo le decisioni in merito rimesse esclusivamente alla propria valutazione.’

    Chi l’avrà vinta?

    Aggiornamento del 5 dicembre 2013 a cura di Valentina Proietti

    La Settima Onda, nuovo (e definitivo?) stop al programma di Rita Dalla Chiesa per La7

    Prima problemi di format, poi tremila cambiamenti di nome e, ieri, il nuovo stop (pare definitivo), dovuto agli alti costi del programma La Settima Onda uniti ad una raccolta pubblicitaria non soddisfacente: non c’è proprio pace per la povera Rita Dalla Chiesa a La 7, dove era arrivata nei mesi scorsi quale punta di diamante della nuova gestione di Urbano Cairo per risollevare il pomeriggio della rete dopo il fallimento della conduzione di Cristina Parodi. Che la Dalla Chiesa avrebbe fatto meglio a rimanere a Forum?

    La notizia dello stop arriva via Tvblog, Corriere della Sera ci mette i dettagli: Rita Dalla Chiesa non ha ancora un programma e, vista l’aria che tira, probabilmente non lo avrà mai: dopo l’arrivo – e successiva ‘cacciata’ – di Daniel Toaff per scrivere un format nuovo di zecca, i vertici de La7 avevano optato per un programma che si rifacesse in qualche modo a Forum (nella parte finale) e a Verissimo, con i protagonisti (vip e non vip) chiamati a riflettere sulle loro scelte di vita.

    Dopo tremila cambiamenti di nome – Diretta 7, Settima onda, La Scelta – e di palinsesto – il nuovo contenitore (per cui c’era già una redazione e si stavano cominciando a svolgere i primi casting) sarebbe dovuto partire a fine ottobre e poi a gennaio – ora sarebbe stato cassato del tutto.

    Secondo il Corriere della Sera, il niet sarebbe arrivato direttamente da Urbano Cairo, che ha giudicato ‘eccessivo l’impegno economico in una fascia difficile, con una concorrenza fortissima‘, senza dimenticare che ‘le previsioni per la raccolta pubblicitaria non sono rosee‘.

    Dalla Chiesa rimane però un assett di La7, che ora sta cercando nuove formule e altre soluzioni; per ora, la conduttrice – dalla sua pagina facebook – sembra voler minimizzare gli intoppi:

    ‘Non commento la decisione dell’editore di cancellare la mia trasmissione su La7. Ma voglio ringraziare tutte le persone che ci hanno creduto e che ci hanno lavorato fino a stamattina. Persone che adesso, come tantissimi altri, purtroppo, si ritrovano senza lavoro. A loro tutto il mio affetto e la mia riconoscenza per l’entusiasmo, i sorrisi e la professionalita’. Grazie a tutti, ragazzi!’

    Parole comunque molto diverse da quelle mielose dell’estate scorsa, con la conduttrice che commentava così il suo cambio di casacca:

    ‘È stata una decisione molto, molto meditata. Sono felice di questo corteggiamento all’antica di Cairo: Mi sono sentita voluta, fortemente desiderata. Una specie di cesto di rose rosse che mi è arrivato all’improvviso e mi ha invaso casa. Sarà stimolante ricominciare da capo con chi ha un entusiasmo ancora intatto’.

    887

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI