Riforma Gelmini, Senato in rivolta (video)

Le votazioni sulla riforma Gelmini creano il caos al Senato: seduta sospesa e tutto da rifare

da , il

    Dopo le risse avvenute nei giorni caldi della fiducia al Governo, ora il Parlamento è scosso dalla corsa contro il tempo per approvare la riforma Gelmini entro la fine dell’anno, come chiesto dal Ministro all’Istruzione e dal premier Silvio Berlusconi. Di fronte ai mille emendamenti da votare e che richiederebbero (talvolta) una discussione, la presidente di turno, Rosi Mauro, ha deciso il pugno duro e ha proceduto alle votazioni nonostante l’opposizione manifestasse contro l”abuso di potere’. In alto il video.

    La Riforma Gelmini scatena il caos al Senato: la necessità di approvare il ddl sulla riforma universitaria entro l’anno (per non perdere i fondi assegnati dalla Finanziaria) scatena l’ira dell’opposizione, che ritiene non sufficientemente discussi i vari emendamenti al voto. Ieri pomeriggio il caso più eclatante: un emendamento giunto dalla Camera risultava contraddittorio (una frase sconfessava l’altra, in stretta successione) e pertanto se ne chiedeva una correzione, ovviamente da discutere. Ma la presidente di turno, la senatrice della Lega Nord Rosi Mauro, ha preso la richiesta come un tentativo di rallentare i lavori dell’Aula e ha deciso di procedere con le votazioni per alzata di mano, ignorando rabbiosamente le proteste. Una scena che non si sarebbe vista neanche in una riunione di condominio.

    Ovviamente si è scatenato l’inferno: la seduta è stata sospesa e il presidente del Senato, Schifani, ha deciso di far rivotare gli emendamenti approvati o respinti durante la bagarre. Il voto definitivo slitta, quindi, a domani: valeva la pena di fare quell’atto di forza?