Renato Zero al Festival di Sanremo 2016: “La musica non è una velleità, ma un impegno sociale”

Renato Zero al Festival di Sanremo 2016: “La musica non è una velleità, ma un impegno sociale”

Renato Zero superospite alla serata finale di Sanremo 2016

da in Festival di Sanremo 2016, Rai, Rai 1
    Renato Zero al Festival di Sanremo 2016: “La musica non è una velleità, ma un impegno sociale”

    Renato Zero è il superospite della musica italiana nella serata della finale di Sanremo 2016. Un ritorno molto atteso da tutto il pubblico e dai ‘sorcini’, smaniosi di sapere tutte le anticipazioni del suo nuovo disco in uscita. Renato Zero alla sessantaseiesima edizione del Festival, si è esibito in un medley di successi, ha fatto luce sui dettagli del suo nuovo progetto e ha cantato un inedito.

    Il grande Renato Zero, colonna portante della musica italiana, superospite della finale di Sanremo 2016. “Un artista unico, creativo, geniale”, così ha annunciato Renato Zero Carlo Conti. Dopo un breve video che ha mostrato vecchi successi, Renato Zero è entrato sul palco dell’Ariston e ha intonato un medley , proponendo i brani ‘Favola mia’, ‘Più su’, ‘Amico’, ‘Nei giardini che nessuno sa’, ‘Cercami’, ‘Il Cielo’, ‘I migliori anni’.

    Renato Zero, poi, ha iniziato la conversazione con Carlo Conti, parlando della sua Roma e di come la vive come se non fosse un grande artista amato da tutti. Ma un grande insegnamento arriva dopo l’esibizione di Triangolo e Mi vendo. Il grande artista ha parlato dell’importanza della musica, rivolgendosi ai giovani. “La musica non è una velleità, ma un impegno sociale. Vorrei che questa dottrina fosse assimilata,che i giovani possano esser accolti dalla musica, fate che venga insegnata nella scuole ai bambini”, ha detto Renato Zero, conquistando un mega applauso del pubblico.

    Renato Zero ha poi presentato il suo nuovo album intitolato Alt.

    “Alt – ha spiegato Zero – perché è il momento di fermarsi e riflettere. Mi aspetto che il disco ci consenta, anche a me che l’ho scritto, di fermarci un po’ e guardare la nostra vita privata, la famiglia, che ottenga il valore che mi avevano inculcato quando ero bambino. La famiglia è importante, se ne parla come fosse una novità”

    che uscirà il prossimo 8 aprile, cantando l’inedito Gli anni miei raccontami. Inizialmente il cantautore ha fatto una piccola gaffe affermando che il nuovo album sarebbe uscito a marzo. Ripreso sul finale da Carlo Conti, Renato Zero ha ironizzato, dicendo: “Ho detto 8 marzo per vedere se eri veramente attento. Non hai solo abbronzatura, ma anche talento”.

    Renato Zero, questa sera, non ha regalato solo grande musica, ma anche bellissime parole e ha salutato il pubblico con un immancabile “Non dimenticatemi eh”.

    436

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2016RaiRai 1
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI