Referendum 2011, quorum raggiunto: i commenti tv e la satira sul web (video)

Il raggiungimento del quorum per i Referendum 2011 non modifica i palinsesti Rai e Mediaset: nessuna edizione straordinaria per i Tg, mentre i risultati vengono commentati a caldo, come previsto, solo da Tg3, Tg La7, Sky Tg24 e Rai News 24

da , il

    Raggiunto il quorum per i Referendum 2011 su acqua, nucleare e legittimo impedimento: nonostante il risultato poco scontato, le tv italiane non hanno sostanzialmente modificato i propri palinsesti lasciando a RaiTre e a La7 la copertura dello spoglio e dei commenti politici. Nessuna edizione straordinaria per il Tg1, mentre Canale 5 lascia a Barbara d’Urso il compito di aprire delle finestre informative con il Viminale per seguire gli aggiornamenti nel corso del suo Pomeriggio Cinque. Unica variazione uno speciale di prime time per il Tg3. In alto il video che impazza nel web in queste ultime ore: una parodia satirica de L’Aereo Più Pazzo del Mondo in salsa referendaria.

    C’è il quorum per i quattro Referendum di domenica 12 e lunedì 13 giugno: il dato definitivo parla di un’affluenza del 57% degli aventi diritto al voto, con una schiacciante prevalenza dei sì all’abrogazione delle quattro norme in oggetto. La copertura tv della consultazione referendaria, complice l’ormai avviata stagione estiva e la ‘certezza’ del mancato raggiungimento del quorum, è sostanzialmente affidata a Sky Tg24, a RaiNews 24 e ai Tg di RaiTre e La7, che stanno commentando a caldo con i principali esponenti della politica italiana gli inattesi risultati.

    Protagonista indiscusso Antonio Di Pietro, promotore dei referendum che fa la spola tra le varie tv, mentre a rappresentare le posizioni del centrodestra c’è Ignazio La Russa su RaiTre, che sottolinea l’importanza della quota dei No che emergerà dallo spoglio. Faccia a faccia, invece, tra Maurizio Belpietro e Marco Travaglio nello speciale Tg la7 condotto da Enrico Mentana: in basso il video.

    Sempre Mentana, poi, ospita al telefono Adriano Celentano, mattatore di questa campagna referendaria soprattutto con le sue presente telefoniche o in collegamento ad Annozero di Michele Santoro. In basso il video di Celentano al Tg La7 con Mentana.

    In collegamento col Tg3, Pierferdinando Casini individua nel risultato dei referendum un altro segnale per il Governo dopo le Amministrative 2011.

    Netta la lettura del segretario del PD PierLuigi Bersani che ribattezza (con una certa forzatura) questi referendum come quelli del “divorzio dell’Italia da Berlusconi“.

    Emilio Fede al TG4 dà invece la notizia del raggiungimento del quorum in apertura di Tg, anche se il primo servizio è dedicato al Calcio Scommesse. Segue quindi collegamento con Maurizio Gasparri per un commento sui risultati referendari (politicizzati dalle sinistre e sostanzialmente superflui viste le ultime decisioni del Governo) e un approfondimento sulle pericolose diete online prima di lanciare il servizio (brevissimo) con la sintesi dei dati e un pastone sui commenti provenienti dalla sinistra, senza però nessun servizio filmato. Quindi spazio alle riforme (fisco e giustizia) del Governo Berlusconi. In basso i primi minuti del Tg4 di lunedì 13 giugno 2011 (finché non verrà rimosso da YT).

    Le polemiche su Fede non sono mancate in questi giorni: sabato, in periodo di silenzio elettorale, ha dato spazio a un appello al non voto di Vittorio Feltri (nel video in basso).

    Ricordiamo in prima serata l’appuntamento con L’Infedele su La7 e lo speciale appena annunciato del Tg3.