Reconstruction, il Western arriva su FX

Il genere western o simil-western sarà la nuova frontiera delle serie tv? Questo non possiamo dirlo con certezza, sta di fatto che FX ha deciso di dare il via libera a "Reconstruction", una serie drammatica che arriva da Joshua Brand e dal regista/produttore Peter Horton

da , il

    Il genere western o simil-western sarà la nuova frontiera delle serie tv? Questo non possiamo dirlo con certezza, sta di fatto che FX – dopo Lawman (in alto il trailer) – ha deciso di dare il via libera a “Reconstruction”, una serie drammatica che arriva da Joshua Brand (“St. Elsewhere”) e dal regista/produttore Peter Horton: i due saranno produttori assieme ad Aaron Kaplan.

    Recontruction“, attualmente in fase di sviluppo, è ambientata in una citta del Missouri durante la ricostruzione post-Guerra Civile, ed è incentrata su Jason, gentiluomo della Costa Est cambiato dalla guerra che cerca rifiugio nel Missouri e che – come ha spiegato Horton – cerca la sua salvezza in quei luoghi e finisce per diventare la loro salvezza. La serie dovrebbe contenere anche alcuni elementi magici

    Horton e Brand si conoscono da 20 anni, ed hanno pensato a “Reconstruction” nel corso di una discussione sulla realtà moderna, tra la crisi economica, la situazione in medio oriente e la guerra in Iraq: “Pensavamo – spiegano i due all’Hollywood Reporter – che fosse una buona idea raccontare la storia di oggi attraverso l’allegoria del Western, non ultimo come uno può guarire dalla guerra e come può ritrovare la sua umanità“.

    Sempre in casa FX, lo ricordiamo, la rete ha dato il via libera a Lawman, serie in 13 episodi (per ora) di cui sarà protagonista Timothy Olyphant nel ruolo di Raylan Givens, originario del Kentucky, uno sceriffo più che un poliziotto moderno, intollerante all’autorità dei suoi superiori, all’ingiustizia e alla corruzione, un cowboy old style.

    La serie – creata da Graham Yost- è basata sul racconto di Elmore Leonard (qui produttore) “Fire in the Hole” (Fuoco in buca), contenuto nella raccolta “Quando le donne aprono le danze”.