Reazione a catena 2014: Amadeus, Pino Insegno e la Rai Uno nostalgica

Reazione a catena 2014: Amadeus, Pino Insegno e la Rai Uno nostalgica

Reazione a catena 2014: Amadeus, Pino Insegno e

    Amadeus fa la ghigliottina. Non si tratta de L’Eredità (a cui pure diede i natali) ma di Reazione a Catena. Il 2014 è prospero per il conduttore di Mezzogiorno in famiglia (Rai2), visto che ritorna al timone di un game show su Rai Uno, dopo diversi anni di assenza, e dopo l’approdo fallimentare al Biscione. Dal canto suo, a proposito di ghigliottine, ad essere ‘decapitato’ è stato Pino Insegno

    La reazione a catena di Pino Insegno

    Che Pino Insegno non si sappia tenere i sassolini nella scarpe è cosa nota; non potevano mancare esternazioni riluttanti alla notizia di una sostituzione per la conduzione della nuova edizione di Reazione a Catena. Così, a Tv, sorrisi e canzoni, il condu-attore è stato velato ma non troppo:

    Vuoi solo la polemica. E io la polemica non te la do. [...] Conosci forse un modo elegante di mandare a quel paese qualcuno? Non si può. Dai. Ti levano casa e tu cerchi una maniera pacata per protestare? [...] Analizzate voi la situazione. Dopo quattro anni al 32% di ascolti vengo mandato via da Reazione a catena.

    Perché? Spiegamelo tu‘.

    Palinsesti e nostalgismi: la Rai opta per la regressione

    Il rischio di isole (poco) felici, in tempi di magra – e per idee e per ascolti – è che si ritorni quasi in maniera regressiva alla tv di un tempo: si veda l’ultima edizione di Domenica In con Mara Venier (non sembrava tutta in stile anni ’90?) o la conduzione morigerata di Fabrizio Frizzi a L’Eredità, oppure il ritorno di Roberto Benigni e di Raffaella Carrà sulla prima rete nazionale o, ancora, Pippo Baudo ‘spin-off’ del concerto di Laura Pausini.

    Reazione a Catena non trasloca su Canale 5

    Tanti nostalgismi, poche idee per il futuro? Forse era meglio il passaggio del game a Canale 5. Una Belen Rodriguez qualsiasi avrebbe affossato un programma degno di essere chiamato quiz ma pur sempre nell’indifferenza generale. Mentre Canale 5, con tutti i suoi difetti (!), pare voler restare “accesa” anche d’estate, Rai Uno rincorre Legami che non ci sono più.

    448

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI