Reaper – In missione per il diavolo, al via su Fox dall’11 maggio (fotogallery e video)

In America Reaper, che mescola il genere drammatico a quello comico, il fantastico all’horror, è trasmessa dalla CW, ed ha avuto l’onore di vedere alla regia del pilot Kevin Smith

da , il

    Cosa fareste se il giorno del vostro ventunesimo compleanno scopriste che i vostri genitori hanno venduto la vostra anima al diavolo? Per Sam (Bret Harrison, Undressed), un ragazzo che ha deciso di lasciare il college per andare a lavorare in un centro commerciale, significherà dover lavorare per il resto della sua vita in qualità di cacciatore di anime evase dall’inferno alle dipendenze del diavolo (Ray Wise, già visto in Twin Peaks e 24). Al suo fianco, Sam avrà i suoi migliori amici e colleghi Ben (Rick Gonzalez) e Sock (Tyler Labine), ma oltre che con le anime scappate dall’inferno il giovane protagonista dovrà vedersela anche con Andy (Missy Peregrym, Smallville, Heroes), attraente ragazza di cui Sam è innamorato.

    Quanto esposto sopra è la trama di Reaper – In missione per il diavolo, serie tv americana che FoxTV (canale 110 di Sky) trasmetterà in prima visione assoluta a partire dall’11 maggio ogni giovedì alle 21. In America Reaper, che mescola il genere drammatico a quello comico, il fantastico all’horror, è trasmessa dalla CW, ed ha avuto l’onore di vedere alla regia del pilot Kevin Smith, acclamato al Sundance Film Festival per Clerks e regista del controverso Dogma: e forse è stato proprio questo il problema (oltre al vario mix di generi), visto che, come sottolineano molti critici statunitensi, “se la serie è probabilmente il miglior programma della CW, non ha mai raggiunto le ‘eccellenze’ viste nel pilot, ed in molti casi lo show è il peggior nemico di sé stesso, visto che il mischiare troppi generi fa spesso solo ridere“. In effetti, dopo il boom del pilot (visto da 3.278.000 telespettatori, con un rating di 1.8/5% share nella fascia 18-34, risultato che ha fatto di Reaper il terzo nuovo show più visto della CW, dopo “Pussycat Dolls Present: The Search for the Next Doll” e “Gossip Girl”), Reaper (letteralmente: Mietitore) è andata in calando, tanto da rischiare persino la cancellazione. Il che, a nostro modesto parere, sarebbe un male, visto che Reaper, seppur non eccelsa, non è male: a dispetto di una trama piuttosto ripetitiva (a Sam capita qualcosa che a che fare con l’anima da catturare; arriva il diavolo che però non gli fornisce molti dettagli; poi arriva un contenitore per catturare l’anima scappata; Sam capisce di chi si tratta; Sam e i suoi amici – ma non Andi – catturano il demone; ritornano al lavoro), lo show ha i suoi pregi, primo su tutti l’essere ben recitata, a dispetto della ‘giovane età’ del cast. Su tutti spicca il veterano Ray Wise: come avevamo già scritto, Wise interpreta il ruolo del diavolo, che l’attore interpreta a metà tra l’affascinante e lo spaventoso: “Ho sentito, ha detto l’attore, che i produttori volevano un diavolo a metà tra il conduttore di un quiz e un venditore di auto usate. Io vedo il diavolo che interpreto come una persona, se così si può dire, con un grande senso dell’umorismo. Certo, può essere crudele, ma d’altronde i patti vanno rispettati, e a volte per farli rispettare serve un po’ di brutalità. La relazione del diavolo con Sam (Bret Harrison) sarà molto complicata: sarà un po’ amico, un po’ padre, un po’ mentore e un po’ boss”. La serie, di cui per ora sono stati ordinati solo 13 episodi, è stata creata da Tara Butters e Michele Fazekas (Law & Order: SVU), che insieme a Mark Gordon (Grey’s anatomy, Criminal minds), Deborah Spera e Tom Spezialy ne sono anche i produttori per conto della ABC Television Studio in associazione con The Mark Gordon Company.

    Reaper – Series Premiere trailer

    Reaper Promo

    Reaper – Presentation