Reality: Coppola e La Destra contro il Grande Fratello

Reality: Coppola e La Destra contro il Grande Fratello

Francis Ford Coppola definisce la nostra tv la più stupida del mondo: La Destra protesta durante i Mediaset Days a Torino contro la Tv Spazzatura

    Mentre Canale 5 continua a celebrare la nona edizione del GF con Mai Dire Grande Fratello e a Torino sono iniziati i provini della decima edizione, arrivano due violente bordate contro il reality di Canale 5 e in generale contro l’offerta della tv generalista. A lanciarle Francis Ford Coppola da Cannes e La Destra, che ha boicottato i Mediaset Days a Torino. In alto la lap dance che Cristina Del Basso ha offerto al pubblico di piazza San Carlo.

    La vostra tv la guardo spesso ed è famosa nel mondo? Perché? Perché è la più stupida: i vostri dirigenti preferiscono trasmettere sempre e solo divertimento o giochi stupidi come Colpo Grosso“. Sembra una dichiarazione da Moige e invece a farla dall’assolato lungomare di Cannes, dove in questi giorni si sta tenenedo l’annuale edizione del Festival del Cinema, è addirittura il regista Francis Ford Coppola.

    Il quale mostra una certa conoscenza dei nostri palinsesti, anche quelli locali, sebbene forse un po’ datata, visto che cita Colpo Grosso, show soft-porno in onda dal 1987 al 1991 sul network Italia7.

    In generale poco è cambiato, a dire il vero, e lo dimostra l’offerta di programmi fotocopia e di edizioni annuali degli stessi show che ci propinano stagione dopo stagione sia Rai che Mediaset. Ma se il pubblico non può far altro che lamentarsi, e allontanarsi dalla tv generalista, ci hanno pensato i giovani militanti di Gioventù Italiana, afferenti a La Destra,a prendere di petto la situazione, esponendo in piazza San Carlo, nel bel mezzo del talk show sul GF9 condotto live da Barbara D’Urso, un mega striscione di 15 metri con su scritto “Boicottate la Tv spazzatura” e distribuendo volantini di protesta.

    Basta ai reality show che promettono una vita di successo, distogliendo l’attenzione dai veri problemi della società – dicono i giovani de La Destra -, basta a veline e tronisti come punti di riferimento per i giovani e alla Tv degli strilloni e dei facili pianti per alzare l’audience anteponiamo un divertimento sano, contro la cultura della droga, del consumismo e dei modelli televisivi“. Beh, difficile non essere d’accordo con loro, considerato anche i modi assolutamente ‘urbani’ con cui hanno inscenato la loro protesta, ben lontani da quelli di Fiamma Tricolore che nel 2008 distrusse l’igloo posizionato a Ponte Milvio nel quale rimasero per tre giorni i primi concorrenti del GF8. Per lo meno la violenza è stata evitata, anche se di tutto questo non c’è, ovviamente, traccia nel servizio che PomeriggioCinque ha dedicato ai Mediaset Days e che vi riproponiamo in basso,

    554