Randall and Hopkirk (Deceased) e Skins, il revival british invade gli Usa

Le serie tv britanniche invadono l'America, Syfy ha ordinato un revival di Randall and Hopkirk (Deceased), serie degli anni '60, mentre MTV ha dato il via libera a 10 episodi di "Skins Us"

da , il

    Buone notizie per i fan delle serie british, Syfy ha acquistato i diritti della popolare serie britannica anni ’60 “Randall and Hopkirk (Deceased)“, di cui in Italia sono stati trasmessi alcuni episodi con il titolo “Il mio amico fantasma“, per sviluppare un pilot da 60 minuti ex novo. La serie (creata da Dennis Spooner) vede protagonisti due detective privati, il primo è Jeff Randall (l’attore Mike Pratt), il secondo Marty Hopkirk (al secolo Kenneth Cope), che muore nel primo episodio della serie, salvo tornare sottoforma di fantasma, che può essere visto solo da Randall.

    L’originale Randall and Hopkirk (Deceased) – un dramedy – ha avuto in totale 26 episodi andati in onda a cavallo tra gli anni 1969 e 1970, mentre la versione 2.0 sarà sceneggiata e prodotta da Josh Bycel (‘Scrubs’) e Jonathan Fener (‘American Dad’) assieme ad ITV studios (già dietro all’originale), ma non ci sono informazioni sui protagonisti e sul quando il pilot andrà (eventualmente) in onda.

    Ma “Il mio amico fantasma” non è l’unico show inglese che troverà ospitalità sui canali americani, arrivando a tempi molto più recenti MTV americana avrebbe ordinato una versione americana di Skins, serie inglese di grande successo in patria (dove è stata rinnovata per una quinta e sesta stagione che andrà in onda nel 2012) ed all’estero. I diritti dello show creata da Jamie Brittain e Bryan Elsley (padre e figlio) erano stati acquistati lo scorso agosto, e poche ore fa la rete avrebbe ordinato 10 episodi che dovrebbero essere ambientati a Baltimora.

    Skins, lo ricordiamo, segue un gruppo di adolescenti di Bristol durante gli ultimi due anni di scuole superiori, affrontando tutte le tematiche del mondo giovanile (e non solo), dalla droga al sesso, dalle malattie mentali ai disordini alimentari fino ad arrivare alla morte. Come già nella versione inglese, anche quella a stelle e strisce dovrebbe avere attori di età coerente con i personaggi e soprattutto sconosciuti, che contribuiranno alla sceneggiatura.

    Una bella conferma per le serie british, che come andiamo dicendo da tempo, non hanno nulla da invidiare a quelle americane!