RaiTre, la crisi raccontata da Giuliano Amato

RaiTre, la crisi raccontata da Giuliano Amato

Giuliano Amato dà Lezioni dalla Crisi su RaiTre da domenica 18 marzo alle 13

    Lezioni dalla Crisi, Giuliano Amato su Raitre

    Lo spread si abbassa, ma la situazione economico-finanziaria delle famiglie italiane sembra peggiorare a vista d’occhio. Mentre l’Istat ‘grida’ alla recessione, presentando stime preoccupanti sui consumi degli italiani – tornati a quelli di 30 anni fa – RaiTre lancia un ciclo di appuntamenti dedicati alla crisi, illustrata e spiegata da Giuliano Amato, già due volte Presidente del Consiglio, già ministro della Repubblica per in ben sei legislature e ora presidente dell’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani. Parte domenica 18 marzo il ciclo di appuntamenti di Lezioni dalla crisi, realizzato da Rai Educational e in onda alle 13. Beh, una collocazione alquanto discutibile…

    Diciamoci la verità, quanti di noi sono pronti ad accompagnare il pranzo della domenica con una lezione di economia incentrata sulle grandi crisi del mondo occidentale? Immaginiamo che siano pochi i ‘masochisti’ disposti a ‘rispettare’ l’appuntamento proposto da RaiTre per un progetto davvero interessante ma che, come sempre più spesso accade sulle reti Rai, viene sacrificato da una collocazione davvero poco comprensibile, a fronte invece di un contenuto decisamente in linea con la missione di servizio pubblico (e che finora ha visto schierata La7 con le lezioni di Romano Prodi su Il Mondo che Verrà).

    Come accennato, va a Giuliano Amato il compito di spiegare, secondo i canoni della divulgazione chiara e esaustiva, l’origine e i meccanismi dell’attuale situazione economico-finanziaria del nostro Paese, con uno sguardo anche alla storia del ‘fenomeno’ nei mercati occidentali.
    Un ciclo di 12 appuntamenti da 30′ ciascuno che si apre domenica 18 con una lezione che ha per titolo ‘Le crisi economiche’, nella quale si approfitta per fare un excursus storico sulle crisi mondiali, da quelle nel capitalismo a quelle locali e globali per poi approfondire la crisi del ‘29, con i fallimenti bancari e la rinascita del New Deal. A seguire, si parlerà de ‘La crisi in America: 2007-2008, de ‘Le cause della crisi negli USA’, della sua espansione nel mondo con ‘La crisi supera i confini’, dell’impatto in Europa, e ancora dell’arrivo dei ‘PIGS’, cercando quindi di analizzare ‘Come abbiamo reagito?’ e gettando uno sguardo all’immediato futuro concentrandosi su ‘Il rischio di un circolo vizioso’.

    Insomma, la crisi sviscerata nelle sue componenti storiche, politiche, culturali, non solo strettamente economiche e finanziarie.

    Un modo per guardare a un fenomeno che sta condizionando da vicino le vite di ciascuno di noi e che merita di essere approfondito, per evitare reazioni e commenti ‘da bar’, che nel medio e lungo termine rischiano di diventare ancor più pericolosi della crisi stessa.

    Per fortuna il programma va replica il lunedì alle 23.00 su Rai Storia: possiamo salvare il pranzo della domenica senza perderci un’occasione davvero preziosa per imparare qualcosa sulle dinamiche dell’economia mondiale.

    492

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE