RaiTre, giornata dedicata a Il Trasformista (di) Barbareschi

Una giornata all'insegna del passato e del futuro politico di Luca Barbareschi: in prima serata Il trasformista, film diretto e interpretato dal deputato Pdl, poi confluito in Fli, che ora medita di lasciare la Camera

da , il

    RaiTre si dedica oggi a Il Trasformista, film di e con Luca Barbareschi del 2002 inserito dalla terza rete Rai nel ciclo del cinema di qualità. La pellicola sarà trasmessa in prima tv alle 21.05, ma se ne parlerà già questa mattina ad Agorà, appuntamento quotidiano dedicato all’informazione condotto da Andrea Vianello in onda alle 9.05. In studio proprio Luca Barbareschi, deputato Pdl poi confluito in Futuro e Libertà di Fini e nelle ultime ore dato per ‘simpatizzante’ del gruppo dei ‘Responsabili’, che vede tra le sue fila ‘finiani’ intenzionati a supportare il governo Berlusconi. Smentito il suo nuovo trasferimento, Barbareschi medita però di lasciare la Camera. In alto il trailer del film.

    Non ha proprio il sapore della ‘casualità’ la messa in onda de Il Trasformista, film diretto e interpretato da Luca Barbareschi che da tempo ha affiancato la sua fortunata carriera di attore e produttore cine-tv (sua la Casanova Entertainment) a quella politica. Come riassunto nell’intro, proprio in questi giorni Barbareschi è al centro delle cronache politiche (Ruby e Bunga Bunga permettendo) per il suo smentito allontanamento dal FLI, cui aveva aderito all’atto della fondazione, dopo essere stato eletto deputato nelle fila del Pdl.

    Un ‘caso politico’ di stretta attualità, quindi, coincide con la programmazione del film di Barbareschi, datato 2002, che si incentra sulle vicende di Augusto Viganò, ambientalista piemontese in lotta con i suoi compaesani vittime di un’alluvione, che attira l’attenzione di un ministro in visita nelle zone devastate dalla furia della natura. Fiutata in lui la stoffa del politico, il ministro propone a Viganò di entrare in politica per continuare la battaglia, ma l’ambientalista ‘duro e puro’ impara presto a navigare tra correnti di partito, intrighi, accordi sottobanco, compromessi, tradimenti, cambi di bandiera e di tessera, alienandosi moglie, amici e se stesso.

    Presentato dall’ufficio stampa Rai come “un attualissimo e ferocissimo atto di accusa contro i politici e la politica da parte di un regista, attore e uomo di cultura, nonché politico anch’egli, che ha conosciuto bene la Roma degli inciuci e i rituali dei palazzi del potere“, il film è preceduto da un approfondimento che andrà in onda tra poco, alle 9, sempre su RaiTre: si tratta, in pratica, dell’appuntamento quotidiano con Agorà, che ospita proprio Luca Barbareschi, pronto ad annunciare urbi et orbi all’elettorato italiano cosa ne sarà del suo futuro politico. Al centro del dibattito, inevitabilmente, la possibilità di avere maggioranze stabili capaci di governare: ne discuteranno in studio Francesco Saverio Romano, deputato dei Popolari di Italia Domani, Paolo Cirino Pomicino, esponente dell’Udc, e i giornalisti Antonello Caporale e Arturo Diaconale.