RaiDue, seconda chance per Il Più Grande (Italiano di Tutti i Tempi)

RaiDue, seconda chance per Il Più Grande (Italiano di Tutti i Tempi)

Va in onda questa sera su RaiDue la seconda puntata de Il Più Grande Italiano di Tutti i Tempi: quali scontri impossibili ci propinerà? Le critiche alla prima puntata non sono certo state benevoli

    Va in onda questa sera su RaiDue la seconda puntata de Il Più Grande (Italiano di Tutti i Tempi), una sorta di gara impossibile tra nomi che hanno fatto la storia d’Italia nei campi più disparati – dalla lirica alla politica, dallo sport alla letteratura – che dopo la prima puntata ha attirato critiche non proprio benevoli. La scorsa settimana anche l’Auditel non l’ha premiato, nonostante l’arrivo sui titoli di coda di un Fiorello in stato di grazia. Stasera ci si riprova: la formula resta ovviamente la stessa, l’ospite della puntata è Alex Zanardi. Quali saranno i terzetti impossibili di questa sera? Si accettano scommesse.

    Il Più Grande Italiano di Tutti i Tempi è un inconsueto viaggio nel passato arricchito da alcuni momenti di spettacolo e di musica dal vivo, che ha come obiettivo stabilire, attraverso una giuria di ‘esperti’ e l’insindacabile voto del pubblico, chi è ‘il piu’ grande’ italiano di tutti i tempi“: così l’ufficio stampa Rai presenta il programma condotto da Francesco Facchinetti e Martina Stella che la scorsa settimana ha raccolto 1.858.000 telespettatori e l’8,76% di share e soprattutto ha catalizzato feroci critiche dal parte del pubblico (che non ha digerito, ad esempio, l’esclusione di Padre Pio) e della critica, che si è scagliata contro l”insulsaggine’ della gara.

    Particolarmente diretto Aldo Grasso su Il Corriere della Sera: “Difficile concepire un programma più insensato e ridicolo [...]. E’ una di quelle follie che funziona solo da termometro per rilevare la follia da cui siamo circondati.

    Il programma è brutto e noioso, mal condotto: a Francesco Facchinetti la trasmissione è completamente sfuggita di mano, soverchiato dalla personalità di alcuni ospiti; quanto a Martina Stella, beh, stendiamo un velo pietoso“. Beh, non ci pare siano stati usati molti giri di parole, e a dirla tutta siamo anche d’accordo con lui: ci ‘dissociamo’ solo per quel riguarda Facchinetti, che invece, a nostro avviso, è l’unico ad aver tenuto in piedi un programma privo di struttura e di contenuto.

    Anche Alfonso Signorini, su Tv Sorrisi e Canzoni, ci va giù duro: “Ho trovato il programma veramente demenziale (e uso un termine morbido). [...] Non ha senso contrapporre Puccini e Battisti e ancor più assurdo mettere a confronto Battisti con Garibaldi [...] perché tutti e tre sono grandi nella stessa maniera, ciascuno nel suo campo e nel suo tempo. [...] Altrettanto scandaloso che in giuria sedesse un Vittorio Sgarbi molto distratto perché impegnato a leggere gli sms sul suo telefonino. [...] Essere pagato coi nostri soldi per leggersi i propri sms è scandaloso quanto mettere in competizione Caravaggio e Alberto Sordi“.

    Stasera cosa ci toccherà?

    472