RaiDue, Paolo Limiti festeggia i 70 anni di Minissima

Stasera, 29 marzo, in prima serata su Raidue, Paolo Limiti festeggia i 70 di Mina con Minissima 2010

da , il

    Lo scorso 25 marzo Mina Mazzini, più semplicemente Mina, la Tigre di Cremona, ha festeggiato i suoi primi 70 anni e questa sera RaiDue la celebra con una serata speciale in prime time condotta dall’amico Paolo Limiti, autore peraltro di alcuni dei suoi maggiori successi (da La Voce del Silenzio a Sacundì Sacundà, da Bugiardo e Incosciente a Viva Lei). Minissima 2010, questo il titolo scelto per l’omaggio alla Voce della nostra musica e ai suoi 52 anni di carriera, di cui 32 trascorsi lontano dai palcoscenici e dagli schermi. Nonostante l’addio alle scene del 1978, Mina continua a farsi ‘sentire’ non solo con la sua profilica produzione di cd, ma recentemente anche con un ciclo di spot per la Barilla.

    Oltre mille le canzoni incise da Mina in centinaia di dischi, dal primo datato 1960 (Tintarella di Luna) all’ultimo (in ordine di tempo), Facile, uscito nel 2009. La sua carriera inizia per gioco nel 1958 a La Bussola di Forte dei Marmi, ma la consacrazione arriva con Canzonissima 1959 dove si fa conoscere con Nessuno. La rivediamo in basso ne Il Musichiere del 1959.

    Da quel momento non fa che inanellare successi, raggiungendo anche Sanremo nel 1960 con Non sei felice ed E’ Vero. Nel 1961 torna a Sanremo con Io amo tu ami e con Le mille bolle blu, canzone criticata e bollata come ‘eretica’ nella messa cantata del Festival. A seguito delle critiche Mina giura a se stessa di non partecipare mai più a Sanremo, e così farà: unica ‘eccezione’ il video di apertura di Sanremo 2009.

    Ma è la stessa Mina ad essere un personaggio fuori dai ‘canoni’ dell’Italia perbenista e bacchettona degli anni ’60 (che in fin dei conti resiste ancora oggi), che non le perdona la relazione con Corrado Pani, uomo sposato dal quale avrà il piccolo Massimiliano, che nasce nel 1963. Uno scandalo che la tenne lontana dalla Rai per almeno un annetto (anche poco, considerata la ‘gravità’ del fatto).

    E Mina è stata anche un gran personaggio della tv italiana degli anni ’60 e ’70: nel 1961 e nel bienno ’65-’66 è alla guida di Studio Uno, trasformatosi poi nel 1967 in Sabato Sera, condotto ancora da lei; partecipa a diverse edizioni di Canzonissima, poi nel 1972 è di nuovo conduttrice con Teatro 10, mentre nel 1974 è la volta di Milleluci, condotto insieme a Raffaella Carrà. Nel 1978 l’addio alle scene con un ciclo di esibizioni live a La Bussola e una storica partecipazione alla Televisione Svizzera Italiana. In basso l’ultima partecipazione tv di Mina, che cantava nel 1978 la sigla di coda di Mille e una Luce, Ancora Ancora Ancora.

    Da allora Mina non ci ha mai abbandonato, anche se ha scelto di restare dietro le quinte: unico intervento ‘pubblico’ autorizzato, un video diffuso via web nel 2001 che la immortala in sala di registrazione alle prese con Oggi Sono Io di Alex Britti.

    Tocca a Paolo Limiti questa sera ripercorrerne vita e opere, con immagini di repertorio e inedite, testimonianze di ospiti ed amici, in primis quella di Francesco Renga, che interpreterà L’Ultima Occasione, condite dalle imitazioni di Lucia Ocone.

    Noi ne approfittiamo per fare i nostri migliori auguri alla Tigre.