Rai: sì di Zavoli ai compensi trasparenti

Rai: sì di Zavoli ai compensi trasparenti

La proposta di Renato Brunetta, di rendere pubblici i compensi dei conduttori Rai, trova un alleato nel presidente della commissione di Vigilanza Rai, Sergio Zavoli

da in Attualità, Personaggi Tv, Rai, CdA Rai, Commissione di Vigilanza Rai, sergio-zavoli
Ultimo aggiornamento:

    Il Presidente della Commissione di Vigilanza della Rai, Sergio Zavoli, si è detto favorevole alla pubblicazione dei compensi dei conduttori Rai, provocatoriamente richiesta da Renato Brunetta ospite di una buntata di dicembre di Cominciamo Bene. La questione ora è passata nelle mani del direttore della Rai Mauro Masi e del Presidente, Paolo Garimberti. Ma sono pochi, nel CdA ad appoggiare l’ipotesi di pubblicare i compensi dei volti di punta dell’azienda.

    Renato Brunetta era stato chiaro: perché non rendere pubblici, nei titoli di testa e di coda dei programmi Rai, i compensi dei conduttori? Alla proposta i primi a dirsi poco disponibili erano stati Michele Santoro, Serena Dandini e Giovanni Floris, mentre Pippo Baudo, Massimo Giletti e Carlo Conti si erano detti favorevoli, a patto però che accanto ai compensi venissero aggiunti i guadagni che ciascuna puntata portava a Mamma Rai.

    Ora ci ha pensato il Presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Sergio Zavoli, a riportare a galla la questione, ritenendo la misura adeguata per rinsaldare il patto fiduciario tra Rai e pubblico. Ma l’idea non piace a gran parte del CdA Rai.

    Nino Rizzo Nervo ritiene che, per quanto la Rai debba essere improtata alla massima trasparenza, rendere pubblici i compensi dei conduttori sarebbe un favore fatto a Mediaset: in fin dei conti la Rai opera in un mercato e quindi si tratta di informazioni sensibili per la concorrenza, questione privacy a parte. “Certe proposte appaiono affiscanti, ma possono sconfinare nella demagogia: e allora perché non pubblicare anche i compensi di un politico intervistato, o quelli di un direttore di rete o di un giornalista del Tg1?” ha aggiunto il consigliere.

    D’accordo sul problema della concorrenza con Mediaset il vicedirettore Antonio Marano, il quale punta piuttosto sul ‘valore’ relativo delle cifre in palio: “Se un conduttore guadagna un milione di euro e ne rende quattro non c’è nulla da scandalizzarsi”.
    Immaginiamo che la battaglia di Brunetta resterà lettera morta nei corridoi di Viale Mazzini.

    363

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàPersonaggi TvRaiCdA RaiCommissione di Vigilanza Raisergio-zavoli
    ALTRE NOTIZIE