Rai, Rizzo Nervo: “Test antidroga? I programmi del daytime chiuderebbero”

Rai, Rizzo Nervo: “Test antidroga? I programmi del daytime chiuderebbero”

Nino Rizzo Nervo, consigliere di amministrazione Rai, lancia pesanti sospetti sui conduttori delle trasmissioni del pomeriggio

da in Attualità, Lamberto Sposini, Massimo Giletti, Personaggi Tv, Primo Piano, Programmi TV, Rai, klaus-davi, polemiche-Rai
Ultimo aggiornamento:

    Bufera in Rai per le dichiarazioni rilasciate dal consigliere di minoranza Nino Rizzo Nervo ospite di Klaus Condicio: “Se si facessero i test antidroga in Rai i programmi del pomeriggio Rai rimarrebbero senza conduttori“. Queste le parole che hanno immediatamente scatenato le reazioni di tutti i volti Rai impegnati nelle trasmissioni del pomeriggio: “dichiarazioni gravissime” per Lamberto Sposini, mentre Massimo Giletti chiede a gran voce che il consigliere faccia i nomi. In alto l’estratto dell’intervista di Nino Rizzo Nervo a Klaus Davi.

    Forse credeva di non essere sentito da nessuno, ma le affermazioni che Nino Rizzo Nervo ha rilasciato a Klaus Condicio, trasmissione web del massmediologo Klaus Davi (ultimamente al centro di un gustoso servizio de Le Iene che ne anno svelato le news bufale costruite ad arte per promuovere i marchi clienti della sua società) hanno avuto immediate e furiose reazioni nei corridoi di Viale Mazzini. “Se si facessero i test antidroga in Rai, i programmi del pomeriggio dovrebbero chiudere” dice incautamente Rizzo Nervo commentando l’arrivo di Belen Rodriguez (coinvolta nelle indagini sul traffico di cocaina nei locali vip di Milano).

    Apriti cielo! Ovviamente sul piede di guerra tutti i conduttori dei programmi della fascia pomeridiana della Rai, un nutrito gruppo composto da nomi del calibro di Paola Perego, Lorena Bianchetti, Caterina Balivo, Milo Infante, Lamberto Sposini, Mara Venier e Massimo Giletti. “Per fortuna il Papa fa l’Angelus a mezzogiorno e quindi non rientra nella fascia a rischio…commenta ironico Massimo Giletti, tra i più irritati dalle parole di Rizzo Nervo. “Escludendo che il consigliere Rizzo Nervo si riferisca a noi conduttori, io che mi occupo all’80% di casi di cronaca e di attualità non ho tempo per fare il test antidroga a chi viene nei miei programmi. Porre il problema delle frequentazioni televisive, ma non solo, è sacrosanto perché sempre più spesso in tv circolano personaggi di dubbie origini. Ma francamente, quando si lanciano accuse forti, sarebbe anche giusto dire nomi e cognomi.

    Sarebbe un contributo importante, altrimenti rimaniamo sempre sul piano della generalizzazione. Se si lancia una sfida, la si porta avanti fino in fondo“.

    Giletti, quindi, allontana subito i sospetti dai conduttori, riversandoli sugli ospiti; ma le dichiarazioni del consigliere fanno pensare ad accuse (sospetti, certezze?) ben più circostanziate, che esulano dai personaggi occasionali. Di certo le parole di Nino Rizzo Nervo avranno dure conseguenze, non solo polemiche: ma l’idea di fare i test antidroga obbligatori non è poi tanto peregrina. Almeno la si smetterebbe di fare tanto i moralisti e gli ipocriti.

    459

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàLamberto SposiniMassimo GilettiPersonaggi TvPrimo PianoProgrammi TVRaiklaus-davipolemiche-Rai Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/06/2016 07:50
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI