Rai Radio2: per il direttore la Gialappa’s è ‘roba vecchia’

Rai Radio2: per il direttore la Gialappa’s è ‘roba vecchia’

Il direttore di rai Radio2 Flavio Mucciante spiega i motivi dell'allontamento della Gialappa's Band dai palinsesti di rete: in pratica fanno sempre le stesse cose e non portano ascolti significativi

da in Personaggi Tv, Radio, Rai, Gialappa's Band, radio-due
Ultimo aggiornamento:

    La Gialappa’s agli Europei 2008

    Flavio Mucciante, direttore di Rai Radio2 e artefice dell”allontanamento’ della Gialappa’s Band dai palinsesti (prima con la canellazione di Rai Dire Mondiali e poi con la chiusura improvvisa del programma di Marco Santin) ha risposto a mezzo stampa al provocatorio articolo di Venerdì di Repubblica che si interrogava sui motivi dell’epurazione del Trio da Viale Mazzini. “Il termine ‘epurazione’ è usato completamente a sproposito – ha detto Mucciante – Radio2 non ‘epura’ nessuno ma vuole offrire agli ascoltatori una reale alternativa e nuovi progetti“. L’allontamento di Santin sarebbe da attribuire agli scarsi ascolti: “Grazie per averci scelto, con Marco Santin non era nemmeno tra i primi sei della sua fascia di ascolto“. Come a dire che la Gialappa’s fa sempre le stesse cose e non fa sufficienti ascolti: già, basta vedere gli ascolti di Mai Dire Grande Fratello.

    Il direttore di Radio2 Flavio Mucciante non sopporta la Gialappa’s Band: è l’unica spiegazione possibile alle dichiarazioni rilasciate alla stampa in risposta a un articolo di Repubblica che ha cercato di ricostruire le fasi della ‘guerra’ tra il neodirettore e la Gialappa’s, che prima si è vista chiudere il tradizionale appuntamento con i Mondiali di calcio e poi ha visto l’improvvisa cancellazione di Grazie per Averci Scelto, con Marco Santin, reo di aver fatto promozione ad altre emittenti radiofoniche che invece erano state ben liete di ospitare i loro commenti ai Mondiali sudafricani.

    In sintesi Mucciante dichiara che gli appuntamenti saltuari con la Gialappa’s non fanno media per gli ascolti radio e che alla fine il trio fa sempre le stesse cose. In basso le sue dichiarazioni.
    Radio2 non ‘epura’ nessuno ma vuole offrire agli ascoltatori una reale alternativa e nuovi progetti. Per questo ha rinnovato profondamente l’offerta editoriale di tutto il palinsesto, dove la Gialappa’s aveva solo appuntamenti occasionali di pochi giorni all’anno per eventi particolari.

    Lo stesso Santin ammette che ‘la formula a volte è ripetitiva ma ci divertiamo’. Ecco, il nostro compito non è quello di far divertire Santin e soci ma di sperimentare formati, linguaggi e conduttori per andare incontro a chi ci chiede intrattenimento intelligente, leggerezza e riflessione insieme. Questo è il nostro impegno, al quale dedichiamo tutto il nostro tempo e le nostre risorse“.

    Torna poi sulla decisione di sostituire dopo un decennio (o anche più) il commento della Gialappa’s ai Mondiali: “La formula di Radio2 per i Mondiali di calcio è stata un grande successo: basta sfogliare i quotidiani o andare sul web, per rendersi conto di come Piero Chiambretti abbia rappresentato in pieno la nostra filosofia editoriale: dare notizie in anteprima sui protagonisti della manifestazione, sempre in chiave ironica e originale. Diego Abatantuono è stato tra i più scaricati del podcast. La formula di ‘Bafana Bafana’ con Massimo De Luca, Joe Violanti e Zap Mangusta verrà riproposta a grande richiesta per il campionato di serie A. E, all’inizio di settembre, partiremo subito con un palinsesto molto competitivo. Prima new entry: Max Giusti, che sarà uno dei personaggi di punta della Rete ma ci saranno molte altre sorprese”.

    A chi è pronto a contestare che la Gialappa’s porta ascolti, Mucciante è pronto a snocciolare dati: “I presunti grandi ascolti della Gialappa’s su Radio2 non sono purtroppo riscontrabili: interventi di pochi giorni o, a singhiozzo, nel corso di qualche settimana – come tutti sanno – non sono oggetto di uno specifico monitoraggio Audiradio. È, invece, rilevato con precisione il dato di ‘Grazie per averci scelto’ di Marco Santin, programma che abbiamo dovuto spostare in palinsesto, in quanto – secondo l’ultima indagine disponibile – non era nemmeno tra i primi sei della sua fascia di ascolto“.
    Santin, quindi, ha fatto ‘flop’ e ha seguito il destino di “altri programmi con formule ormai usurate e ascolti molto al di sotto degli obiettivi, che avevano contribuito a far precipitare Radio2 in fondo alla classifica dei principali network nazionali con grave danno per le prospettive di crescita della Rete e il suo posizionamento sul mercato”.
    Del futur, però, non v’è certezza: “Il ritorno della Gialappa’s? Mai dire mai – dice Mucciante – qualora, in futuro, ci presentasse formule originali e idee realmente innovative saremmo pronti a valutarle”. La concorrenza ringrazia.

    791

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Personaggi TvRadioRaiGialappa's Bandradio-due