Rai, il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto si è dimesso

Il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall'Orto si è dimesso, dopo un incontro di due ore con il ministro dell'Economia Padoan. Campo Dall'Orto resterà al suo posto per le urgenze, come il provvedimento per la deroga al tetto compensi e il completamento dei palinsesti, e comunque fino alla nomina del nuovo direttore generale.

da , il

    Rai, il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto si è dimesso

    Antonio Campo Dall’Orto si è dimesso da direttore generale della Rai. Lo annuncia Viale Mazzini con una nota: ‘In un incontro molto cordiale, il Ministro Padoan ha preso atto della decisione di Antonio Campo Dall’Orto di rimettere il suo mandato di Direttore generale Rai’. L’incontro con il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, è durato due ore. Ora si attendono le mosse del ministro, mentre Campo Dall’Orto potrebbe restare al proprio posto ancora per alcuni giorni, così da portare a termine le urgenze prima della fine del mandato.

    Nonostante le sue dimissioni Antonio Campo Dall’Orto dovrà continuare il suo mandato fino al varo del provvedimento che permetterebbe di derogare al tetto dei 240 mila euro annui lordi per il pagamento degli artisti. La decisione va infatti presa entro il 2 giugno. Inoltre, Campo Dall’Orto dovrebbe completare i palinsesti 2017-2018, che la Rai presenterà il 28 giugno a Milano e il 4 luglio, a Roma. Per quelle date la Rai dovrebbe già avere un nuovo direttore generale.

    Crisi Rai, Campo Dall’Orto si dimette dopo la bocciatura del suo piano informazione

    Le dimissioni di Campo Dall’Orto da direttore generale arrivano dopo che Il Consiglio di amministrazione della RAI ha bocciato il suo piano informazione lunedì 22 maggio 2017. Nel piano era contenuta la proposta di creare un nuovo sito di informazione della Rai, RAI24, diretto dall’ex conduttrice di Report Milena Gabanelli. A favore del piano aveva votato soltanto il consigliere Guelfo Guelfi, mentre si erano astenuti i consiglieri Marco Fortis e Carlo Freccero. Tutti gli altri avevano votato contro, compresa la presidente del CDA Monica Maggioni. Le dimissioni di Campo Dall’Orto erano quindi nell’aria: non approvare un documento importante come il piano informazione è infatti considerato un fatto molto grave, che segna una rottura dei rapporti tra il Consiglio d’amministrazione e il direttore generale.