Rai, a rischio le partite della Nazionale

Rai, a rischio le partite della Nazionale

Mauro Masi non ha ancora firmato il rinnovo del contratto per i diritti di trasmissione in chiaro delle partite della nazionale di calcio italiana: la Rai rischia di perdere gli Azzurri

    Rai Nazionale calcio prandelli cassano

    Questa sera, mercoledì 9 febbraio, va in onda su RaiUno l’amichevole Germania-Italia e avrete certo notato che l’annuncio ufficiale della messa in onda sia arrivato con un certo ritardo. Non è un caso: il Dg della Rai, Mauro Masi, non ha ancora firmato il contratto d’acquisto per i diritti di trasmissione in chiaro delle partite delle varie Nazionali di calcio, Under 21 e Azzurri compresi. La Rai rischia ancora di restare senza i match della Nazionale di Calcio, come teme da tempo il Presidente della Rai, Paolo Garimberti.

    Il direttore Generale della Rai, Mauro Masi, non ha ancora firmato il rinnovo dei diritti per la trasmissione in chiaro delle partite della Nazionale italiana di Calcio (e non solo): la causa sarebbe da ricercarsi non tanto nelle croniche difficoltà economiche di Viale Mazzini quanto a un braccio di ferro tra il Dg e il CdA Rai. Uno scontro talmente acceso – come spiegato da Marco Ansaldo su La Stampa – da spingere Masi ad affermare che “la Rai può fare a meno della Nazionale“. Scommettiamo che gli italiani non sono tanto d’accordo?

    Per ora le partite vengono trasmesse grazie a un accordo d’acquisto che prevede un esborso per la Rai di un milione di euro a match. Un accordo valido fino a marzo, poi bisognerà arrivare a una ridiscussione del contratto.

    La Federcalcio preme per un accordo stabile, senza il quale ha difficoltà a costruire il calendario delle amichevoli: restano al momento in sospeso un’amichevole con l’Ucraina prevista per il 29 marzo, una mini-tournée negli Stati Uniti che dovrebbe tenersi a giugno e la sfida di agosto con i Campioni del Mondo, la Spagna.
    Altro che Santoro: Masi deve temere l’ira funesta dei tifosi italiani.

    331