Rai 1: al via la miniserie Maria di Nazaret con Alissa Jung e Paz Vega [VIDEO]

Rai 1: al via la miniserie Maria di Nazaret con Alissa Jung e Paz Vega [VIDEO]

Va in onda stasera e domani su Rai Uno la miniserie Maria di Nazaret con Alissa Jung nei panni della Vergine Maria e Paz Venga nel ruolo di Maria Maddalena

    La settimana di Pasqua non poteva che aprirsi in casa Rai con Maria di Nazaret, miniserie in due parti prodotta da Matilde e Luca Bernabei per Rai Uno per la regia di Giacomo Campiotti che racconta l’amicizia romanzata tra la Madonna, interpretata dalla giovane attrice tedesca Alissa Jung, e Maria Maddalena, interpretata dalla spagnola Paz Vega. Il kolossal italo-ispano-tedesco girato in Tunisia e coprodotto da Rai Fiction, Lux Vide, BetaFilm, Tellux, Bayerischer Rundfunk e Telecinco Cinema, andrà in onda in prima serata su Rai Uno stasera e domani. Anche il cast è ricco di star internazionali: Andreas Pietschmann è Gesù, Antonia Liskova la diabolica Erodiade, Luca Marinelli è Giuseppe, Andrea Giordana è Erode, Marco Foschi è Giovanni Battista, Thomas Trabacchi è Joazar, e ancora Johannes Brandrup (Erode Antipa), Roberto Citran (Gioacchino), Antonella Attili (Anna), Sergio Muñiz (Antipatro), Remo Girone (Ponzio Pilato), Mariano Rigillo (Simeone), Marco Messeri (Zaccaria), Teresa Acerbis (Elisabetta), Marco Rulli (Giovanni), Tony Laudadio (Pietro), Nikolai Kinski (Giuda). Ha trovato spazio nella miniserie anche la ballerina di Amici Alice Bellagamba, qui nei panni di Salomè.

    Nella miniserie Maria di Nazaret la Vergine Maria e Maria Maddalena vengono rappresentate come i due volti di un solo amore: quello per Gesù. Nella libera ricostruzione fatta dal regista Giacomo Campiotti e dallo sceneggiatore Francesco Arlanch le due donne sono amiche d’infanzia, provengono dallo stesso villaggio della Galilea, ma si separano dopo un evento tragico: la lapidazione per adulterio della madre di Maddalena. La vita le porterà poi su due strade molto diverse: Maria, dall’anima pura e senza peccato originale, viene prescelta come madre di Cristo, la Maddalena è invece una meretrice e adultera. Le due amiche si ritroveranno poi in occasione di un altro evento provvidenziale: quando Gesù salva Maddalena dalla lapidazione.

    Maria di Nazaret è un film su una grande amicizia fra due donne, Maria e Maddalena – ha spiegato Arlanch – La Maddalena è un personaggio evangelico nel quale sono state fatte confluire diverse figure di donne del Vangelo (l’adultera che Gesù salva dalla lapidazione; la peccatrice che con le proprie lacrime lava i piedi di Gesù; la donna liberata “dai sette demoni”, presente sotto la croce insieme a Gesù e fra i primi testimoni della Resurrezione) qui arricchito da un’inedita back story: una giovanile amicizia con Maria. Una grande amicizia minacciata dalle trame di una terza donna, Erodiade.

    E, in questa storia di amicizia minacciata, si vede, in filigrana, la storia di un’altra amicizia: quella fra Dio e ognuno di noi.

    La ‘mia’ Maria è una giovane consapevole, piena d’amore e di energia che arriverà alla santità attraverso un percorso pieno di dubbi e dolore – ha aggiunto il regista Campiotti –. Maria accetta con umiltà il mistero di questa missione d’amore che fin dall’inizio le si presenta difficile, e la compie in salita, passo dopo passo fino a comprendere che per lei distaccarsi dal figlio significa lasciarlo andare verso la Croce. A Maddalena il Vangelo dedica poche parole e sulla sua vicenda c’è stato più spazio per una maggiore libertà narrativa.

    Già, ma quanto piacerà al Vaticano la licenza poetica della miniserie Maria di Nazaret?

    568