Questa sera Roberto Benigni con il V Canto dell’Inferno

Questa sera Roberto Benigni con il V Canto dell’Inferno

Questa sera Roberto Benigni con il V Canto dell'Inferno

    Questa sera Roberto Benigni con il V Canto dell’Inferno

    Una lettera agli italiani (che fa un po’ il verso al celeberrimo Contratto di Berlusconi), scritta di proprio pugno dal comico toscano, introduce la serata evento che vedrà protagonista questa sera Roberto Benigni alle prese con il V Canto dell’Inferno.

    Un bel promo per la trasmissione che inizia con il più classico degli incipit ed entra nel merito degli argomenti che verranno trattati: “Cari Italiani, con immensa allegria e col cuore che cinguetta come un fringuello appena nato, staremo un paio d’ore insieme a parlare del regalo più bello che ci è cascato addosso. Dobbiamo capire cos’è l’amore. Ne tracceremo la storia. Dal primo libro della Genesi all’ultimo libro di Bruno Vespa, dalla lettera di pace di San Paolo ai Corinzi alla lettera di scuse di Berlusconi a sua moglie, dalla rottura della pace tra Greci e Troiani secondo Omero, ‘causa ne fu la divina femminilità di una donna’, alla recente rottura della pace tra An e Forza Italia secondo Vittorio Feltri, ‘la causa è una sola, problemi di gnocca”.
    Il clima è caldo, le attese alte, soprattutto dopo il non esaltante risultato (soprattutto di critica) dello spettacolo di Adriano Celentano, giudicato dal comico toscano “un traditore”: “Volevo intitolare la mia trasmissione di giovedì L’azienda di mio cognato è messa male e lui ha intitolato la sua trasmissione La situazione di mia sorella non è buona. Poi ha parlato male di Berlusconi e Mastella e ora a me tocca parlarne bene. Lui ha invitato Laura Chiatti e io ora dovrò invitare Rosy Bindi. Le farò fare uno spogliarello”. Con Benigni la Rai vorrebbe almeno bissare il successo del 23 dicembre 2002, quando L’Ultimo del Paradiso fece registrare oltre 12 milioni di telespettatori e il 45,5% di share.

    Quella di stasera si prefugura come una serata costruita per ottenere il miglior risultato possibile, una diretta fiume senza pubblicità che avrà inizio alle 20.30, grazie alla cancellazione di Affari Tuoi.

    Sesso e amore saranno al centro dello show: “Parleremo del sesso, il motore del mondo, percorrendolo nei suoi aspetti più estremi. Dalla libidine sfrenata alla totale repressione. Insomma da Casanova a Sandro Bondi. Parleremo di politica, da Voltaire: ‘Non sono d’accordo con quello che dici ma sono pronto a morire purché tu lo dica, a Silvio Berlusconi: ‘Chi vota a sinistra è un coglione. Parleremo della grandezza dell’Italia cercando di capire che cosa abbiamo fatto di bello per meritarci città come Milano, Firenze, Roma dove sono nati uomini come Manzoni, Michelangelo, Cesare e cosa abbiamo fatto per meritarci città come Arcore, Ceppaloni, Montenero di Bisaccia e… non mi ricordo dove è nato Buttiglione”.

    Le ultime parole saranno quelle del Poeta, con la lettura del V Canto dell’Inferno, dedicato al girone dei Lussuriosi in cui si incontra l’amore totale e doloroso di Paolo e Francesca. “Nulla di solenne”, promette Benigni, “semplicemente la bellezza”.

    Il 5 dicembre, invece, inizierà TuttoDante, la sua striscia di tredici appuntamenti in seconda serata, ogni mercoledì su RaiUno a partire dalle 23.00.

    675

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI