Pupo: “Una vergogna l’estate tv”. E parte Reazione a Catena

Pupo: “Una vergogna l’estate tv”. E parte Reazione a Catena

Pupo si scaglia contro i palinsesti estivi di Rai e Mediaset

da in Palinsesto Rai, Personaggi Tv, Programmi TV, palinsesto-estivo, Pupo, reazione-a-catena
Ultimo aggiornamento:

    Pupo contro i palinsesti estivi Rai

    Pupo critica ferocemente i palinsesti estivi di Rai e Mediaset e lo fa praticamente alla vigilia del suo ritorno in tv con Reazione a Catena, che prende il posto de L’Eredità da lunedì 29 giugno (ore 18.50, RaiUno). “Una tv che si ferma da metà maggio a metà settembre è una vergogna soltanto italiana“, ha detto a Tv Sorrisi e Canzoni. Che ne penseranno i dirigenti Rai?

    Partiamo da un presupposto: Pupo ha ragione. La tv italiana va davvero in ferie per quattro mesi, ma la cosa peccgiore è che di fatto – un po’ per la crisi economica, molto di più per mancanza di idee e per paura di sperimentare – non fa che proporre anno dopo anno le stesse cose anche nei periodi di punta della programmazione, ovvero nei periodi di garanzia (ascoltare Garimberti per credere).

    Ma veniamo nel dettaglio a quanto dichiarato da Pupo a Tv Sorrisi e Canzoni, che lo ha intervistato per il numero in edicola oggi. “La tv d’estate è una vera indecenza. Penso che neppure i Paesi africani siano ridotti così” dice Pupo, magari non proprio politically correct nel paragone un po’ stereotipato con il continente africano. “Non si fa così – continua il cantante prestato alla conduzione tv – in un’Italia alle prese con la crisi, con tanti anziani, malati, gente che d’estate deve stare per forza a casa, non si può fare finta di niente. Vale per la Rai come per gli altri. Dovrebbero effettuare un serio intervento legislativo.

    È una vergogna inaudita: si vedono solo un campionario di film replicati per la 1.800ma volta e spezzoni di vecchi show. Succede solo in tv, il resto del Paese non si ferma. Visto che Endemol, Ballandi, Magnolia e compagnia bella lavorano per il resto dell’anno, anche perché spesso gestiscono risorse artistiche fondamentali, in Rai d’estate dovrebbero approfittarne per far lavorare gli interni, che non di rado sono lasciati a far nulla. La Rai dovrebbe imparare a distinguere fra gli appalti indispensabili e quelli che non lo sono“.

    Una bella reprimenda, non c’è che dire, rivolta in primis alla Tv di Stato, alla gestione delle risorse interne (problema che condivide con Mediaset, visto che qualche tempo fa incrociarono le braccia i lavoratori Videotime di Roma) che lo ha confermato per il terzo anno consecutivo nel palinsesto estivo con il game show Reazione a Catena, in onda alle 18.50 su RaiUno dal lunedì 29 giugno. In effetti la sua è una delle poche produzioni ‘attive’ dell’estate, e non un fondo di magazzino come il Mercante in Fiera rispolverato da Italia1 per dare un po’ di ferie a La Ruota della Fortuna di Enrico Papi.

    Aspettiamo ‘reazioni a catena’ dai vertici Rai.

    549

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Palinsesto RaiPersonaggi TvProgrammi TVpalinsesto-estivoPuporeazione-a-catena