Pupo su RaiUno con Napoli Prima e Dopo, aspettando i Raccomandati

I raccomandati edizione 2011 saranno presentati da Pupo che al momento impazza sul web con dichiarazioni contro i reality e il 23 luglio sarà su rai uno con Napoli prima e dopo

da , il

    pupo-enzo-ghinazzi.jpg

    Pupo sarà il 23 luglio su Rai1 per condurre Napoli Prima e Dopo e si prepara per essere al meglio al timone de I Raccomandati da gennaio 2011. In questi giorni impazzano sul web le sue dichiarazioni sui reality e sulle sue capacità di talent scout e, ovviamente, anche noi non siamo sfuggiti al fascino di poter dire la nostra, anche in più riprese. Dunque, non pago di aver parlato a vanvera di reality mai condotti e di aver testato l’ennesimo quiz, il nostro eroe prosegue la sua incomprensibile, quanto inarrestabile ascesa televisiva.

    Già, sui reality, croce e delizia di tutti i desiderosi di fama, Pupo, insiste col dire, ed è ormai un tormentone, che non solo non li ha mai accettati, ma che in fondo uno lo ha anche condotto. Ma non era soltanto l’inviato alla corte della Fattoria di Barbara D’Urso? Bella accoppiata non c’è che dire! Ma, in delirio di onnipotenza si vanta anche di aver scoperto Elisabetta Gregoraci e pensare che una persona normale non ne farebbe gran vanto. Ora, se il successo di Pupo fosse limitato a qualche emittente privata locale, il danno sarebbe quasi nullo, insomma, magari in Toscana avrà pure qualche adepto, ma l’assurdo è che stiamo parlando dell’ammiraglia di Viale Mazzini, Rai1, possibile che incontri così tanti consensi?

    E mentre noi ce lo chiediamo, lui, Enzo Ghinazzi, che a quasi sessant’anni si fa ancora chiamare Pupo, è già pronto per l’edizione 2011 de I Raccomandati che lo vedrà mattatore incontrastato a partire per otto o nove puntate, ma anche meno andrebbe bene. Ma perché non ci ridate Carlo Conti? Anche con tutte le sue professoresse al seguito, se necessario. La formula dei Raccomandati sarà più o meno la stessa, stesse figurine che tristemente si accingeranno a far finta di saper fare qualcosa presentati talvolta da pseudo artisti che a loro volta non hanno ben chiaro da dove provengano e dove stiano andando.

    Uno spettacolo desolante, insomma, assolutamente in linea con il presentatore che si ostina a disprezzare i reality quando in fondo fa lui stesso parte del baraccone mediatico che tanto disprezza. Ma come si dice, diamo alla gente ciò che vuole, e a quanto pare Pupo incarna quello che ce l’ha fatta, quello che a dispetto di tutti si è fatto un suo spazio e che, ovviamente non lo molla più a nessuno, nemmeno ad Emanuele Filiberto. E allora becchiamoci Pupo il 23 luglio su Rai1, ma che c’entra con Napoli? E poi da gennaio 2011 ai Raccomandati.