Prodi interviene a Crozza Italia Live

Romano Prodi interviene a sorpresa al Crozza Italia Live, ieri sera su La7

da , il

    Prodi interviene a Crozza Italia Live

    Romano Prodi è intervenuto telefonicamente, a sorpresa, durante la puntata di Crozza Italia Live, ieri sera su La7. Argomento di discussione la durata del suo governo, sulla cui tenuta si è detto “sereno, non ho nessuna intenzione di lasciare solo nessuno, sono in bella compagnia e andiamo avanti”. E ha aggiunto: “Bisogna tenere ferma la barra del timone su un programma preciso e, adagio adagio, arrivarci”. In alto un estratto del suo intervento, tratto dal sito Corriere.it.

    Un intervento inconsueto quello del Premier, che sceglie una trasmissione di puro intrattenimento per dichiarare il proprio ottimismo alla vigilia di una delicata votazione in Parlamento sulla Finanziaria, oggi al vaglio del Senato.

    Non risparmia qualche battutina sul centro destra: “La destra minaccia e basta. Se le cose vanno avanti così, noi riusciamo a fare il resto del programma. Sono diciasette mesi che Berlusconi dice che il governo cade dopo 15 giorni. La verità è che il governo rimane: oramai abbiamo davanti una vita eterna….” e prosegue sui senatori a vita, stimolato da Maurizio Crozza che non perde l’occasione per ricordare a Prodi l’atipica situazione che li vede fare da ago della bilancia dell’esecutivo, consigliando al comico di non scherzare troppo sulla loro salute, visto che sono pienamente “in grado di spennare anche lei”.

    Il discorso torna a farsi serio, nonostante Crozza sdrammatizzi efficacemente con battute non certo compiacenti, parlando dei timori di “franchi tiratori” alla votazione di oggi: “il lavoro di un capo di coalizione è anche parlare con tutti i componenti, fare compromessi per tenere il timone dritto. Pazienza con pazienza, calma con calma, giorno dopo giorno, finora abbiamo approvato tutti i provvedimenti”. Del resto, aggiunge il Premier, “con questa legge farsi vedere conta tanto, uno più è piccolo più vuole farsi vedere” e poi bisogna saper distiguere tra le liti vere e il folklore.

    “Dureremo cinque anni”, sostiene il Premier: vedremo oggi come inizierà l’iter della Finanziaria.