Private Practice, nella sesta stagione addio ad uno dei protagonisti (spoiler)

Private Practice, nella sesta stagione addio ad uno dei protagonisti (spoiler)
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

cast 2

Rivoluzione creativa e tra i protagonisti del cast di Private Practice, che nella sua sesta ed ultima stagione perderà non solo uno dei suoi protagonisti storici, ma cambierà anche lo staff creativo: le co-produttrici Jennifer Cecil e Barbie Kligman sono state infatti promosse co-caposceneggiatrici (significa che dirigeranno le operazioni nella ‘sala macchine’ degli sceneggiatori), lavorando a stretto contatto con Shonda Rhimes, showrunner di questa serie, di Grey’s Anatomy e di Scandal. Le due sostituiscono Steve Blackman e Craig Turk, che hanno avuto il loro ruolo nei due anni precedenti e che ora hanno lasciato per dedicarsi ad altri progetti – il secondo sarà consulente produttivo di The Good Wife. (Attenzione, seguono spoiler sul personaggio che lascia Private Practice 6).

‘Meravigliosi fan di PP, Shonda ha informato il mio agente oggi che Pete non tornerà nella sesta stagione. Sono stati 5 anni fantastici. R.I.P. Pete Wilder‘: così Tim Daly annuncia il suo addio a Private Practice ai suoi followers su Twitter, una notizia che arriva inaspettata visto che solitamente spetta a Shonda Rhimes o alla produzione annunciare nuovi arrivi e dipartite: non è chiaro come mai il perché di questo addio, né se Daly, che per cinque anni ha prestato il suo volto a Pete, tornerà o meno per concludere la sua storyline, che lo ha visto finire in galera (e poi essere rilasciato su cauzione) dopo aver aiutato uno dei suoi pazienti a morire. (Continua dopo l’immagine).

tim daly twitter

Non è chiaro come mai l’attore sia stato lasciato andare – c’è chi parla di screzi tra lui e la produzione – e se è vero che finora Private Practice ha dimostrato di saper reggere abbastanza bene gli addii (quello di Chris Lowell, uscito alla fine della terza stagione, e quello di Audra McDonald, avvenuto durante la quarta stagione) è anche vero che Pete era uno dei personaggi più amati dai fan e che la sua storyline poteva anche non essere conclusa. ‘Mi sono approcciata all’episodio finale della quinta stagione come ad un season, non un series finale – aveva spiegato Shonda Rhimes all’Hollywood Reporter nei giorni scorsi – abbiamo lasciato alcune questioni irrisolte, che poi è stato per me l’unico modo di concepire il finale: mi sono rifiutata di pensare che questo episodio fosse la fine dello show‘.

Sposato dal giovedì sera al martedì sera, Private Practice 5 ha visto i suoi ascolti calare al punto da far temere il peggio per lo show, poi rinnovato per una sesta stagione che viene ritenuta probabilmente l’ultima: ad oggi è comunque ancora incerto il numero di episodi, Kate Walsh si sarebbe impegnata per sole tredici puntate, ma non è escluso, ascolti e altri fattori permettendo, che il medical drama possa ottenere una stagione completa. Certo che è che tra l’addio di Pete a Private Practice e quello (spoiler) di un altro personaggio amatissimo in Grey’s Anatomy, Shonda Rhimes ha proprio deciso di far piangere a dirotto i suoi fan…

578

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mer 30/05/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici