Presunto colpevole: storie di malagiustizia da stasera su Rai Due

Presunto colpevole: storie di malagiustizia da stasera su Rai Due

Presunto colpevole è il nuovo programma della seconda serata di Rai Due che racconta in sei puntate 18 storie di malagiustizia

    Presunto Colpevole raidue

    Nella seconda serata di Rai Due arriva Presunto colpevole, un nuovo programma che racconta 18 casi di malagiustizia per ristabilire la verità e ridare dignità a coloro che se la sono vista calpestare. Al centro di ognuna delle sei puntate ci saranno tre incredibili storie di vite distrutte dalla giustizia. Presunto colpevole andrà in onda su Rai Due alle 23.25 a partire da stasera con la conduzione in studio di Fabio Massimo Bonini.

    La prima puntata di Presunto colpevole racconterà il drammatico calvario di Giuseppe Gulotta, rinchiuso in carcere per ben 21 anni: arrestato a 18 anni con l’accusa di avere partecipato alla strage di due carabinieri ad Alcamo Marina (Trapani), massacrati a colpi di pistola, ma poi assolto per non aver commesso il fatto.

    Seguirà poi il caso di malagiustizia di Roberto Giannoni, un impiegato di banca di Firenze finito in galera per sei anni con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. Ma anche in questo caso si è rivelato tutto falso.

    E infine la vicenda del palermitano Maurizio Lauricella, condannato prima agli arresti domiciliari poi al carcere duro dell’Ucciardone. Non aveva commesso alcun reato: a farlo più volte, invece, era stato suo fratello che ogni volta che veniva arrestato si divertiva a dare false generalità. Ma nessuno ha mai controllato come avrebbe dovuto.

    Nulla riuscirà a ripagare queste persone per il torto che hanno subito, nessuno potrà riavvolgere il nastro di vite distrutte da errori giudiziari – sottolineano gli autori del programma Sergio Bertolini, Paola Bulbarelli, Giuseppe Ciulla e Andrea Ruggieri –. Perché non ci si rende conto, finché non ci si è dentro, che anche pochi giorni in carcere significano la perdita di un posto di lavoro, di un amore, della reputazione, della dignità. Per sempre. Anche se poi si verrà dichiarati innocenti. Storie drammatiche che hanno gettato nella disperazione famiglie intere. E ognuno, in qualsiasi momento, può essere un presunto colpevole.

    356