Preferisco il Paradiso stasera su Rai 1, Gigi Proietti interpreta San Filippo Neri

Va in onda su Rai 1 stasera la fiction dedicata alla vita di san Filippo Neri, Preferisco il paradiso, intepretata da Gigi Proietti

da , il

    Gigi Proietti interpreta san Filippo Neri nella fiction Preferisco il Paradiso in onda stasera su Rai 1. Un santo un po’ incredulo dei suoi miracoli, un uomo gioioso e pieno di entusiasmo che spiegava la presenza di Dio ai bambini con dei giochi di prestigio. A lungo contrastato per i suoi metodi non ortodossi, il santo è noto come il Giullare di Dio e a causa del suo modo di vivere la fede non venne proclamato fino al 1622.

    Preferisco il paradiso è diretta da Giacomo Campiotti (che ha diretto Zivago e Giuseppe Moscati) ed è prodotta da Lux Vide, che ha in passato realizzato altri film biografici dedicati alle vite dei santi. Grazie anche all’interpretazione del mattatore del teatro italiano Gigi Proietti riesce a raccontare senza banalità, ma con la dovuta ironia la vita di una delle figure più amate della chiesa.

    San Filippo Neri ha infatti il volto buono dell’attore romano che presta il suo sorriso e la sua personalità da istrione a uno dei personaggi più famosi dell’agiografia cattolica. Nato a Firenze nel 1515, Filippo si trasferì presto in una caotica Roma, dove, dopo essere diventato precettore, raccolse per strada i bambini abbandonati e diseredati, spesso “figli bastardi dei nobili”, avvicinandoli agli insegnamenti cristiani. Si distinse dagli altri per un entusiasmo e una gioia fuori dal comune che gli permisero di comprendere al meglio il mondo dei più piccoli e del’adolescenza. A lui si deve anche l’invenzione dell’Oratorio per i giovani ed è noto ai fedeli con gli appellativi di “giullare di Dio”, “il santo della gioia” e “Pippo il buono”, il fatto che fosse molto amato dal popolo lo fece guardare con occhi sospetti dalla gerarchia ecclesiastica che lo contrastò a lungo e fu proclamato santo solo nel 1622.

    Gigi Proietti lo interpreta divinamente senza perdere lo spirito indipendente e felice di uno dei santi più amati, l’interpretazione è anche legato a un’ottima cooperazione fra regia e sceneggiatura, per una volta vedremo non la solita fiction sui santi, questo biopic televisivo può essere considerato come un inno alla gioia e anche come esempio di come la determinazione di un uomo possa condurlo alla realizzazione di un sogno, di come la bontà e la carità di un santo possano guidarlo a intraprendere una missione che vale un posto in Paradiso.