Pippo Baudo, 50 anni in TV: dal primo programma Settevoci ai 13 Festival di Sanremo

Pippo Baudo, 50 anni in TV: dal primo programma Settevoci ai 13 Festival di Sanremo
da in Personaggi Tv, Pippo Baudo, Rai
Ultimo aggiornamento: Giovedì 01/12/2016 07:49

    Pippo Baudo Il Viaggio

    Oggi – 7 giugno 2016 – Pippo Baudo festeggia 80 anni di età, di cui 50 passati in TV. Dal primo programma, Settevoci, alla conduzione di 13 edizioni del Festival di Sanremo, anche per questo Baudo è ritenuto uno dei padri fondatori del piccolo schermo, insieme a Mike Bongiorno, Corrado Mantoni, Enzo Tortora e Raimondo Vianello. La prima volta che per lui si accese la lucina rossa della telecamera risale al 1966, quando la Rai del tempo, dapprima incerta sulla messa in onda del programma, decise poi di trasmettere il quiz-varietà della domenica pomeriggio ricordato anche per il famoso applausometro.

    Pippo Baudo_le iene show

    50 anni di televisione sono tanti. E non senza successi, con il debutto come conduttore del suo primo Festival di Sanremo che risale al 1968, manifestazione canora di cui diventa anche direttore artistico e che, piano piano, gli permette di realizzarsi come uno dei volti più rappresentativi e popolari della TV di Stato.

    baudo 3

    Tant’è che poco dopo seguono i successi di Canzonissima, programma che ‘eredita’ nel 1972, quando – solo per fare un esempio – in Rai va in onda la scenetta di lui al telefono con Loretta Goggi, co-conduttrice dell’ultima edizione dello show trasmessa di sabato sera.

    baudo 2

    Successivamente, programmi come il quiz Spaccaquindici, il varietà Luna Park e il ‘contenitore’ madre di un genere tv ancora attuale, Domenica In, danno una forte impronta all’intrattenimento del tempo, fino a che nel 1984 non assistiamo alla novità di Pippo Baudo al timone della quinta edizione di Fantastico, che conduce insieme all’indimenticata Heather Parisi e con Rockfeller, il pupazzo con la voce di Josè Luis Moreno.

    baudo sanremo

    Quindi il passaggio alle reti Fininvest (il vecchio nome delle attuali reti Mediaset) e il ritorno in Rai che, dal 1992 al 1996, lo sceglie come conduttore di cinque Festival di Sanremo consecutivi. Se nell’edizione del 1987 annuncia la morte del cantante Claudio Villa in diretta, quella del 1995 viene ancora oggi ricordata per il ‘salvataggio’ dell’aspirante suicida all’Ariston.

    baudo 5

    Dunque il nuovo passaggio a Canale 5, il rientro in Rai con Serata D’Onore e l’ultimo programma su Rai 3 dal titolo Il viaggio.

    Il conduttore nell’ultimo periodo non si è risparmiato in quanto a critiche per le trasmissioni attualmente in onda sul piccolo schermo, dimostrando più volte di sentirsi pronto al ritorno in TV, al di là del ruolo di giurato in un talent show o ospitate toccata e fuga.

    737

    PIÙ POPOLARI