Pioneer One, arriva la prima serie (legale) da scaricare – anche in italiano

Pioneer One, arriva la prima serie (legale) da scaricare – anche in italiano

È possibile fare una serie tv senza la tv? Josh Bernard e Bracey Smith sono convinti di sì, ed hanno creato e distribuito “gratuitamente” – della serie: puoi scaricarlo ma se ti è piaciuto facci una donazione – il pilot di Pioneer One

da in Interviste, Primo Piano, Serie Tv, Web, Curiosità
Ultimo aggiornamento:

    Pioneer One, arriva la prima serie (legale) da scaricare - anche in italiano

    È possibile fare una serie tv senza la tv? Josh Bernard e Bracey Smith sono convinti di sì, ed hanno creato e distribuito “gratuitamente” – ossia: puoi scaricarlo ma se ti è piaciuto facci una donazione – il pilot di Pioneer One, una puntata distribuita in bassa, alta ed altissima qualità sulle piattaforme di P2P e che vedremo presto con i sub italiani grazie alla partnership con i ragazzi di Itasa.

    Cosa vi viene in mente se vi dicessimo uTorrent, Limewire, The Pirate Bay, EZTV ed altri aderenti alla DISCO (Distribution Coalition)? Sicuramente i download illegali, ma anche un’idea che potrebbe rivoluzionare il modo di fare tv così come lo conosciamo: grazie a VODO, casa produttrice indipendente e piattaforma dove è possibile trovare migliaia di torrent gratuiti e legali, Josh Bernard e Bracey Smith, già dietro l’esperimento cinematografico The Lionshare, distribuito “gratuitamente”, provano a lanciare una serie tv senza tv.

    Le webserie sono tante, ma di solito hanno dietro donatori importanti: con Pioneer One, invece, i donatori saranno il popolo del web, ed i prossimi 6 episodi che comporranno la prima stagione, verranno prodotti non appena saranno raccolti abbastanza fondi (20.000 dollari per finanziare i prossimi 3 episodi). L’idea è quella – pubblico e donazioni permettendo – di continuare per quattro stagioni, cambiando personaggi e prospettiva.

    Come da comunicato stampa, Pioneer One sarà una serie “in parte politica, in parte procedurale, con tinte di sci-fi” e racconterà di come “nel Nord America di oggi (presumibilmente Canada, ndr), un oggetto ritorna sulla Terra: secondo un’agenzia governativa, si tratta di un oggetto risalente all’età spaziale sovietica, ed all’interno della capsula l’agenzia scoprirà l’impossibile, qualcosa che rischia di cambiare il mondo intero”.

    A causa del grange successo di The Lionshare, abbiamo pensato di trovare un nuovo modo di attrarre potenziali sponsor”, spiega Bernhard secondo cui “visto il numero di gente e la qualità demografica che ha scaricato il film, abbiamo pensato che ci possano essere delle aziende che potrebbero voler associare il loro brand ad uno show come questo”. E grazie ad Itasa, Pioneer One (scaricabile da qui) sarà disponibile anche in italiano, visto che i traduttori del sito lavoreranno con il team della serie per fornire i sottotitoli.

    447

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN IntervistePrimo PianoSerie TvWebCuriosità Ultimo aggiornamento: Sabato 19/06/2010 09:20
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI