Pietro Valsecchi: una fiction per il delitto di Via Poma

Pietro Valsecchi: una fiction per il delitto di Via Poma

In un'intervista Pietro Valsecchi rende noto il suo desiderio di produrre una fiction sul delitto di via poma in cui perse la vita una ragazza di vent'anni

    pietro-valsecchi.jpg

    Per la serie ‘non facciamoci mancare nulla’: Pietro Valsecchi, produttore patron di Taodue, ha dichiarato, in un’intervista rilasciata a Sorrisi e Canzoni TV, di voler realizzare una fiction sul delitto di Via Poma. Stiamo parlando di uno dei più efferati atti criminali insoluti d’Italia, avvenuto a Roma nel 1990: per la precisione era il 7 agosto e la vittima fu una ragazza di vent’anni, Simonetta Cesaroni. Secondo Valsecchi, Fabrizio Bentivoglio, volto già caro a Valsecchi, sarebbe perfetto nella parte di Pietrino Vanacore, il portiere dello stabile suicidatosi qualche mese fa, che venne in un primo momento accusato dell’omicidio per essere poi scagionato. Difficile commentare la notizia, difficile prendere una posizione. Insomma, se da un canto si può pensare alla funzione sociale della fiction, tema attuale preso in esame anche in uno dei dibattiti del RomaFictionFest in questi giorni in corso nella capitale, dall’altro però viene spontaneo pensare a quanto i familiari potrebbero essere turbati da un evento mediatico di grande portata come sarebbe il lancio di una fiction di tale argomento.

    A volte forse bisognerebbe lasciare il passo alla discrezione e al rispetto, a meno che non sia la famiglia a richiedere un intervento importante, anche solo per non far dimenticare. Una fiction senza un finale sicuro, come già avvenuto tante altre volte nel filone legato ai fatti d’attualità, visto che, a vent’anni di distanza dall’omicidio, siamo ancora in alto mare nella risoluzione del caso. Sono tante le curiosità su questa tragica storia, al punto che sono usciti alcuni libri sull’argomento e viene sempre più logico pensare ad operazioni che più che alla letteratura e alla denuncia strizzano l’occhio alle facili speculazioni.

    Intanto, per non temere di essere considerato un produttore dal cuore tenero, Pietro Valsecchi punta ad una serie sul Clan dei Casalesi e a Il 13° proiettile, fiction alla quale forse parteciperà anche Claudia Pandolfi la cui storia è incentrata su un prete che deve saper scoprire ciò che è miracolo da ciò che è mistero.

    396

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI