Pietro Taricone, cremata la salma

La salma di Pietro Taricone è stata cremata sabato mattina a San Benedetto del Tronto: ora Pietro riposa nella tomba di famiglia, a Trasacco

da , il

    La salma di Pietro Taricone, data per sepolta giovedì 30 giugno al cimitero di Trasacco, paese d’origine dei genitori del Guerriero, è stata cremata al termine di una breve cerimonia svoltasi sabato mattina in gran segreto a San Benedetto del Tronto. Una precisa volontà di Taricone che la famiglia ha voluto rispettare, cercando di schivare telecamere e fotografi, rimaste però in agguato al cimitero di Trasacco dove le ceneri sono giunte intorno alle 19.00 di sabato per essere inumate nella tomba di famiglia. Lo rivela il Corriere della Sera, che dà conto anche di momenti tensione tra i tanti operatori e fotografi presenti sul posto. In alto le immagini dell’arrivo della salma a Trasacco lo scorso 30 giugno.

    La salma di Pietro Taricone, morto una settimana fa, martedì 29 giugno, per le conseguenze di una caduta col paracadute durante un’esercitazione per esperti, è stata trasferita alle 9.00 di sabato mattina a San Benedetto del Tronto dove è stata cremata: la famiglia ha così rispettato una delle ultime volontà di Pietro, che ora (forse) potrà riposare in pace nella tomba di famiglia, accanto al nonno, di cui aveva ereditato il nome, nel cimitero di Trasacco, piccolo centro dell’aquilano di cui è originaria la famiglia.

    Un trasferimento inatteso, così come la cremazione, che però non ha preso di contropiede i giornalisti, fattisi trovare puntuali al cimitero per filmare e fotografare l’arrivo dell’urna cineraria, accompagnata dai genitori di Pietro, che hanno assistito anche a una breve cerimonia per la tumulazione definitiva.

    Erano talmente tanti i reporter presenti da essersi verificati degli ‘incidenti’: momenti di tensione hanno caratterizzato, infatti, l’arrivo dell’auto su cui viaggiava la compagna di Taricone, Kasia Smutniak, che cerca disperatamente di vivere in privato il suo dolore. Ma non accenna a placarsi l’ondata di commozione e di stupore che ha accompagnato la notizia della morte d”o Guerriero: anche oggi il RomaFictionFest lo ricorderà con un video-omaggio realizzato con gli spezzoni delle fiction che lo hanno visto protagonista.