Pier Silvio Berlusconi: i reality non sono da Rai e il tg di Mentana non lo preoccupa

In una intervista a Chi Piersilvio Berlusconi, vicepresidente di mediaset, ha dichiarato che i reality non sono programmi da tv di stato, che Michele Santoro era più libero a Mediaset e che il Tg la7 di Enrico Mentana non ha tolto spettatori al tg 5

da , il

    Piersilvio Berlusconi a Chi: la Rai non dovrebbe trasmettere Reality show

    La Rai non dovrebbe trasmettere reality show e dovrebbe ripensare a come investire i soldi del canone. Ne è fortemente convinto Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente di Mediaset che in una intervista rilasciata a Chi, in edicola questa settimana, ha espresso la sua opinione anche su Enrico Mentana, approfittandone per lanciare qualche frecciatina all’ex conduttore di Matrix sui risultati ottenuti dal suo Tg La7, e sul rapporto ormai conflittuale tra Michele Santoro e la tv di Stato.

    Senza girarci troppo intorno Pier Silvio Berlusconi, a proposito della possibilità che la Rai e Simona Ventura decidano di non trasmettere più l’Isola dei Famosi, ha dichiarato che i reality show sono programmi da tv commerciale e non da tv pubblica e che quindi l’emittente di stato, seguendo l’esempio della BBC, dovrebbe realizzare più trasmissioni di servizio pubblico.

    I reality show all’estero li trasmettono solamente le tv commerciali. Forse è giusto che il servizio pubblico ripensi a come investe i soldi del canoneha spiegato il vicepresidente di Mediaset in una lunga intervista al settimanale Chi. “Non credo alla favola della tv educativa – ha precisato però Berlusconi jr – ma si possono fare prodotti di impatto straordinario. Per esempio i documentari della Bbc (che guarda caso Rete 4 ha trasmesso con la serie Life), un patrimonio che resta”.

    Restando sempre in tema Rai il figlio del premier ha detto la sua anche sul rapporto sempre più complicato tra Michele Santoro e Viale Mazzini, in particolare con il dg Mauro Masi, per via di Annozero (che dovrebbe tornare su Rai Due giovedì 23 settembre ma mancano ancora i contratti di Marco Travaglio, Vauro, della redazione e dei registi): “Santoro era più libero a Mediaset che in Rai. In Rai è dura: i vertici sono scelti dalla politica e ogni decisione risente di pressioni contrastanti”. Come se lui non sapesse da dove arrivano le pressioni più forti…

    Nel corso dell’intervista Pier Silvio ne ha approfittato anche per lanciare una frecciatina all’ex direttore del Tg5 e conduttore di Matrix, Enrico Mentana: il vicepresidente di Mediaset dopo i complimenti di rito per i risultati raggiunti dal suo Tg La7 (che piace tanto alla critica e sempre di più al pubblico) ha sottolineato che la testata giornalistica diretta da Mentana “per ora non ha portato via un solo spettatore al Tg5: dati alla mano, ha limato ascolti a Raitre e al Tg1”. Di certo però è un avversario in più che rosicchia qua, rosicchia là, continuerà a dare fastidio a qualcuno.